07 marzo 2008

Festa della donna a Verona

Trash update
Da leccarsi i baffi questo aggiornamento, che ti scovo made in 2night.it un intero reportage sulla Festa della Donna a Verona. Altre serate "all the women who are independent, throw your hands up in the air" segnalate a: Klub 59, Vyrus Cafè (Vago di Lavagno), Gasoline (S.Michele), Ombelico. L'unico a fare le cose come si deve(?) sembra il Klub 59 col dj che propone "musica in stile Saint German" (l'espressione chiave è "in stile") e con le telecamere di All Music, ma a noi già piacciono queste due proposte:
- "Al Vyrus Cafè si parte dalla cena, un Sex Service che sa tanto di piccantino e di risatine sotto i baffi. La cucina prevede piatti da gourmet e porzioni da lupi famelici... come voi!"
Direttamente dalla sceneggiatura di un film della Fenech, un plauso al doppio ammiccamento alla lettrice media, quella sporcacciona che non è altro.
- ma è quando si parla di Gasoline e Nessun Dorma che il nostro copywriter preferito (non uso il plurale perchè ci piace pensare che non ci sia un'intera redazione dietro) si dev'essere sentito in imbarazzo fino alla fine, "lo scrivo o non lo scrivo?", "me la sento o non me la sento?", la mano tremante alla fine decide di osare: "bei giovanotti dai fisici prestanti che sculetteranno solo per il vostro piacere!!". F-a-n-t-a-s-t-i-c-o!
Del resto poco prima ci aveva entusiasmato con l'antinomia "Vestitevi bene, [anzi no cambio idea] mettetevi il primo straccio che trovate, chi se ne frega, se vi sentite a vostro agio va bene così!" e con il consiglio spensierato "Chiamate le amiche, quelle buone veramente". Sì Costa, sì.
[fine aggiornamento]

Premesso e tralasciato che: sappiamo tutti per esperienza pluriennale che alcunchè di ciò che si afferma su questa festa sia vero, quindi fermi! Giù quelle mazze, voi e la vostra foia pazzesca (sì Frut1 e Upstream, mi rivolgo a voi ok?), questa è una serata trash come tante altre a Verona, niente pulmanate di fighe arrapate bagnatissime rigorosamente senza mutande con l'unico improcrastinabile desiderio di essere trapassate trapanate erose meccanicamente dal vostro real augello, ok? [n.b. sono escluse tardone over 32, prontissime a immolarsi per la causa di cui una riga fa].

Poteva l'evento più trash (festa della pheegha), nella città più trash (Verona), non essere salutato dalle serate più trash? Non poteva. Coerenza? No, l'avrebbero fatto lo stesso.
Uno sguardo all'inarrivabile sito della concorrenza per una sintetica - ma rappresentativa di tutta la gamma - serie di proposte notturne in occasione di quel presunto/sedicente Troieggiamento Totale chiamato Festa Della Donna. Ovvero: quando in Italia fanno la serata, che in tutto il mondo fanno OGNI settimana, la Ladies Night. Ma noi siamo così. Speciali...

La carrellata 2Night.it parla di una combo annienta-testicoli, secondo il redattore etilico (dio quanto ci sei mancato fratello!) non v'è dubbio, questo weekend si trasformerà in un'arena di dominatrix, l'espressione d'ordine è: "Ghrl paua!", o "uagga boia!". E comunque l'importante è non scopare troppo, ricordate...

E partiamo con la proposta Berfi's, così riassunta:

festa della donna a Verona
"E come le fa ballare Silvetrin? Diccelo, diccelo!"

Le notizie sconvolgenti sono almeno due, per quanto mi riguarda: a) Enrico Silvestrin, l'ex vj più ex degli ex di MTV, fa delle serate in discoteca. E si presume venga gente a vederlo. Lapalissianamente l'ennesima dimostrazione di una certa superiorità di un certo sesso sull'altro. b) Scopriamo così che il bell'Enrico è un sex symbol. Devo essermi perso gli ultimi 15 anni di storia.
Il nostro redattore preferito non è parco di lusinghe, che volentieri sconfinano nell'iperbole grottesca:
"è diventato un'icona del deejay televisivo post-moderno". Ehm... scusa?
Rileggiamo: "è diventato un'icona del deejay televisivo post-moderno". Beh sì certo, Silvestrin ha proprio riscritto i codici di tutto il genere, certo (?). Proseguiamo:
"Azzeccato attore di film polizieschi". Certo, circa 113, forse 114. Me ne sai dire uno? Ma per favore. Chiude in bellezza con:
"da ammirare venerdì nella consolle più trendy di Verona". Sì, ma se non dici qual è! Ti viene il sospetto si stia riferendo alla consolle berfisiana (non lo sta dicendo sul serio, vero?).

Che poi non l'aveva mai capito nessuno che il buon Enrico
Verona festa della donna
più che un vj fichetto "post-moderno" era uno che di musica ne sapeva più di altri lì dentro (parlo degli anni '90 di MTV Italia, che se vogliamo proprio dirla erano quasi accettabili). Tra le tante, ricordo che smerdò (giustamente) un sempre più borioso Puff Daddy, in quei mesi sulla cresta dell'onda dopo il successone della cover negra di "I'll be watching you", chiudendo il discorso più o meno così: "Sì vabbè, Puff Daddy, ok... ma ricordiamo che prima faceva la spalla - alla Mauro Repetto - nei video di Notorious BIG, uno che le basi se le faceva da sè, senza copiarle, e le faceva dannatamente bene". Ora, precisato il mio totale disimpegno dalla materia hip-hop e musiche da negri in generale, io questo pezzo lo sentì a Londra col fido B2 (pace all'anima sua. Ah è tornato?), e il termine "spakka kuli!" andava benissimo:




Proseguiamo con il topos strappamutandine: gli spogliarellisti, per la gioia di mia madre, ma anche mia nonna, ma anche Upstream:
spogliarellisti festa della donna
Nienteopopodimeno che i Centocelle venerdì al Primo di Bardolino. Serata sconsigliata a pheeghe isteriche, stronze, acide, caustiche, i Centocelle "si spogliano solo per le gentili signore". Ma dov'è l'ha fatto il corso di copywriting questo, alla Rai negli anni '60?

Passiamo a sabato, carrellata non stop, "e per le prime 15 telefonate, la festa della Donna è gratis!":
- Ladies Night al Nessun Dorma. Lo staff sta tuttora cercando di capire cosa sia una Ladies Night
- Cena sexy all'Oxo. Antipasto di testicoli impanati, primo di nerchie da almeno 30 cm, dessert crema di sperma, dolce
- Serata bollente al Malemi. Si è rotta l'aria condizionata, ve lo dico subito
- party tutto rosa al Pachanka (hanno ridipinto le pareti): musica maranza italiana e "un’infuocata animazione con sexy ballerini e tanto divertimento". Sì, sì...
- si distingue il Moxa: che aveva in programma the Rurals, e nell'ansia da prestazione vi aggiunge un ripiegante "Festa della donna con the Rurals, eh eh, quanta simpatia".

State a casa, va.

36 commenti:

Dalmo ha detto...

Beh cosa si può dire della festa del Berfi's?
Beh, AHAHAHAAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAAHAHAHAHAHAHHA!

nico ha detto...

Accidentalmente conobbi uno degli smutandati.. Ossignùr! Son più donne loro di noi.

Eppoi la festa della donna nasce da una tragedia, porco mondo, che ha più a che fare con le morti bianche che con l'orgoglio femminile.. sarebbero felici le operaie arse vive cent'anni or sono di sapere che in loro memoria stuoli di donne sbaveranno e si dimeneranno e soprattutto sborseranno più di qualche soldo per una notte di isteria al cospetto di sex symbols d'annata o simpatici protogladiatori effemminati unti come olive ascolane.

Mah, la cosa mi perplime alquanto.

Butel 2 ha detto...

Biggie Biggie Biggie (uh-huh) can't you see (uh)
Sometimes your words just hypnotize me

C'mon niggaz! back to the roots.

Grazie amico grazie. Lei sa.

Butel Info ha detto...

Io non ci casco piu. E' dalla prima superiore che sento gente che dice frasi memorabili quali:

"O vecio! Se te ve fora l'8 marso le fighe le te osa drio, le vien a rugarte!"

Realtà dei fatti: totale assenza di fighe, eccezion fatta per qualche gruppo di rottami aged in cerca di redenzione e conferme.

Stasì a casa.

Grazie

Butel 2 ha detto...

Tutto molto vero. Ma mi tolga una curiosità caro B(i), dato il linguaggio forbito dei suoi compari (le te osa drio??????) lei dove ha frequentato le scuole? Minerbe?

Butel1 ha detto...

Dalmo: sì

Nico: quell'"accidentalmente" molto mi incuriosì. Tanto da nascondere hai.

Butel2: gran pezzo di ggenere, io il loop 4 battute "biggie biggie biggie biggie" lo metterei sotto quasi qualasiasi discorso ad un certo punto della notte [cosa sto dicendo?]
Il video così cinematograficamente negro non me lo ricordavo proprio.

Butel Info: e ti capisco ragazzo, è una delle grandi piaghe sociali annuali la nomea falsissima di questa festa da cretini, più che cretine.
E, tu voglia crederlo o no, ci sono pheeghette che anche ora si stanno messsaggiando un "Buona festa della donna!", tristezza.

staniz ha detto...

io ero al bugged out

nico ha detto...

Nulla da nascondere, è certo una pagina meschina della mia breve vita, ma direi che sta nell'appendice: fu il divertissement estivo di una conoscente.
Lui vi assicuro di una stupidità imbarazzante, sotto tutti i punti di vista. Come da prototipo, peraltro. Lei cercava un manzo ridicolo. Più che soddisfatta, dunque.
That's all B1.

Butel1 ha detto...

Staniz: giudizio?

Butel Info: dimenticavo che "gruppo di rottami aged in cerca di redenzione e conferme" mi ha fatto ridere, ecco.
Comunque la si veda, secondo me c'è qualcosa di pirandelliano nella faccenda, c'è un lato tragio-comico, ci vedo sofferenza (e ci rido sopra), guarda che è una brutta bestia la compresenza di questi fattori:
-essere agè, diciamo trentenni
-essere pheeghette
-essere in Italia
-essere, in particolare, a Verona

Statisticamente si tratta di un campione di creature al bivio, si muovono lungo uno spettro che va da "quasi fallite" a "totalmente bollite", sentono la pressione addosso, son lì lì con la convinzione (socialmente indotta) di dover sparare le ultime cartucce e assestarle bene. E quale occasione migliore del women's party?

Il discorso generalista è stato offerta da B1, "100 ne pensa, 1000 ne amplifica"

Butel1 ha detto...

e intanto è partita la chat

Nico: "Più che soddisfatta". Un'oscillazione nella forza avverto, molto altro da nascondere tu hai.
Ok ok, la smetto di arrampicarmi, l'utero è tuo, te lo gestisci tu [non posso credere che nessuno abbia ancora commentato con questa battuta]

staniz ha detto...

Allora...allora...sinceramente non mi aspettavo un set grandioso...ed infatti così è stato...abbastanza piatto,poco virtuso,anche se a gusto preferisco chi non giochi molto con effettiere o altro,ed in questo caso si è limitato ad un set pulito,semplice ma non direi entusiasmante...sono infatti andato via alle 03.40,mi hanno detto che poi dopo l'ultima oretta il ragazzino si è dato una svegliata...ma sempre poi poi poi...non mi torna...comuqnue cosa dire...sempre una ottima passerella per far vedere a tutti le ultime cose comprate...e se si seguono bene i consigli di pig magazine...visual rimaneggiati per pink is punk...copiati banalmente da quelli di kavinski...soliti volti nuovi...è ormai stimata una colonia veronese impressionante..credo convenga a loro spostarsi da noi!!!..

Penso per problemi tecnici del locale,è stato aperto più tardi del solito,e anche se c'era coda...devo essere sincero..erano molto veloci sia alla porta che al guardaroba...questo ogni volta che ci sono stato.

P.S:digitali ghè n'era?direi davvero troppe!!!

Anonimo ha detto...

Le fighe stupide sono stupide anche il giorno della festa della donna. A me piacciono le fighe stupide, tuttavia stasera si va a mangiar le lasagne a Torbe, tanto le fighe stupide sono stupide anche domani. J'adoro le fighe stupide.

Butel1 ha detto...

Staniz: ok. Del resto mi riesce sempre difficile credere che tutti i musicisti poi possano diventare grandi dj spacca culi e "super effettozzi vecchio", non dimentichiamo che i klaxons hanno già qualche problema a suonare alla perfezione i loro di strumenti, almeno quando li avevo visti più di un anno fa.

Anonimo: sì

Butel1 ha detto...

Staniz: dimenticavo. Anvedi che non sono l'unico ad essermi accorto della trasmigrazione inconscia verso Milano! E' milanesite 2.0
E non parlo solo dello staff Mokaultraminchia e entourage, ma di parecchia gente che da un po' a questa parte scompare nei weekend, e li becchi subito nelle foto delle serate a Milano(che io ovviamente non guardo, cioèè me l'hanno detto).

staniz ha detto...

ho notato infatti che negli ultimi 5 6 mesi....hollywood di Milano prima,vox dopo ed infine ora magazzini....piazzistiintour stanno scoprendo che dopo i caselli...ci sono lunghe strisce di cemento che conducono le auto verso altre città....che tutto stia diventano una immensa piazza????

si salvano il kalinka,il sottomarino...il plasic...ma per quanto ancora???????????????????

Butel Info ha detto...

@Butel2: io vengo direttamente dalla giuria dell'Accademia della Crusca, ma mi interessano molto i diversi dialetti italici più rozzi e cacofonici, che spesso mi diverto a citare. In particolare il veneto. O meglio, il veronese. Anzi, il dialetto di borgo roma, che hai visto riportato fedelmente nel mio intervento.

@Butel1: aridaje co sti 30 anni! smettila di prendere questa meravigliosa (???) età come esempio del peggio e della disperazione che avanza? Io per agé intendevo 31 enni, per diana!
Che poi ti assicuro, essere delle 30enni pheeghette di verona non è male, se consideri la quantità spropositata di morti di pheega (io su tutti) che farebbe di tutto per loro. Pensa che a verona gran parte delle donne si sente perfino in diritto di tirarsela!!

@staniz: puntini ghe n'è?

@ButelInfo: Milano arrivooooo!

la tia ha detto...

nico:
per il primo post ti stimo!

Butel 1:
Io per quanto age' vado a una conferenza e alla sera al kroen
il precedente post mi ha fatto venire voglia di tornarci e come al solito sarò in compagnia di truci figuri di sesso maschile

ps effettivamente al myspace risponde il fruttone

staniz ha detto...

va beh...comunque 4 aprile boys of noyze....ancora andiamo a risentire al vox...vedremo li!yo

consiglio espressamente 9 e 10 maggio DISSONANZE FESTIVAL....li è dura che arrivino in tanti....

Butel Info ha detto...

dimenticavo..

@nico: hai ragione. ma la liva asculana, se originale e ben cotta, non è affatto unta!

Butel1 ha detto...

Staniz: sì Boys Noize sarebbe proprio da andare a sentire, in quei giorni non ci sarò ma SNTNZS si sta organizzando e forse avrà una inviata (sì, è pheega; sì, di musica ovviamente non capisce un cazzo - come piace a noi).

Butel Info: io so benissimo (bugia) che tu hai 30 anni esatti e ti senti ad un passo dal baratro italiano. All'occhio.

Staniz: riguardo al Dissonanze, al quale non sono mai stato nè andrò ma di cui ho sentito voci mai coincidenti, posso dire un paio di cose molto semplici e personali:
-il concetto di festival ribadisco mi deprime
-in cartellone vedo troppe troppe acciaierie teutoniche, il che mi deprime
-sarò depresso, ma io sono troppo figo: in cartellone vedo tali Booka Shade. Ora, l'album dei Booka Shade (mi pare siano di Amburgo) giunse tra le mie mani diciamo un nanosecondo dopo la pubblicazione e lo consacrai come "Un album davvero del casso, che avrà un tale successone nel sottobosco tedesco che un giorno arriveranno in Italia ad un qualche festival". Non è uno scherzo. Cose di cui vantarsi.

staniz ha detto...

se mi dovesse annoiare provo a rifarmi con il sonar a giugno..


buona festa della bricca a tutti!!

Butel Info ha detto...

@Butel1:

ebbene si. li ho.

:(

nico ha detto...

B1:
per quanto possa sembrare il solito mascheramento alla "love line" maniera, la vagina (grazie a Dio non l'utero.. un po' di precisione: distinguiamo i genitali esterni dagli organi riproduttori interni, va) non era la mia. Quindi relata refero.

Tia:
Ghe mancarea!

B info:
infatti, ho vacillato nel postare tale metafora. Ma poi ho preferito mantenere l'espressione originaria, fluita istintivamente dall'immaginazione, con preciso riferimento alle olive ascolane pesantissime e oltremodo unte dell'"A tutta pizza 2" della mia suburra romana.

wonder ha detto...

Serata oxo:
pro: a me il locale piace
contro: odio la coda alle casse con quelle che continuano a ballare anche se stanno aspettando di pagare per andarsene. ma illustre rappresentante dell'idiozia femminile, non vedi che là in mezzo c'è 'na pista? che cribbio ci fai qui a saltarmi addosso con i tuoi tacchi da quattro soldi? hai per caso mal di piedi? non te l'hanno detto che alla festa della donna non si rimorchia?potevi pure venire in tuta che tanto c'è scuro e non si nota. te l'hanno detto che la tatangelo non ha più la frengettona? che aspetti a tagliarla?
scusassero excursus.

arriviamo (io e altre 13) facendoci largo tra il tappo di gente fermo all'ingresso, mentre "quel pezzo di figo" unto come un'impanata sculetta le sue chiappette in un paio di mutandine da donna ed evidentemente troppo piccole (gioite maschietti, pure molto poco dotato, si parla di 5 cm eh! l'occhio m'è caduto lì x sbaglio) con tanto di vecchiotte seguite da figlie in età pre-adolescente (si si, parlo di 9/10 anni eh!, ma come crescono ste povere creature)che, smaliziate, bevono e ballano sui cubi, mentre le di loro mamme sbavano dietro a sto tipo: ok ok ci può stare. serata prosegue, musica buona, ben animata. decisamente troppa gente, sempre i soliti. che ballano, ma si guardano intorno. ok ok ci può stare.
ore 3.30 circa, splendida idea di andare a letto, avuta in contemporanea da 200 persone, la metà ancora salta (Dio mio spiegami perchè! vedi sopra) e forse meno di un decimo ha rimorchiato. ok ok ci può stare.

risultato: locali a parte, basta la compagnia per divertirsi. per favore risparmiateci gli spogliarellisti, o almeno prendete dei veri uomini -si, con la bolla che a me piacce tannto- non tipi con meno peli di me (e qualcuno per favore mi spiegi perchè si balla alle casse con una pista vuota per 1/4)

Butel Info ha detto...

Wonder, ti amo. E ho anche la bolla. Passo a prenderti alle 20 stasera ok?

pasto ha detto...

ahah figata wonder: "non tipi con meno peli di me".

per b1: mi ricordo quel concerto dei klaxons, a meta' di un pezzo si sono incasinati e dopo un sorry coperto da un colpo di tosse, hanno ripreso da capo.

ultima nota, spavalderia nel dire musica da "negro". ben fatta basta con questa ipocrisia politically correct.

wonder ha detto...

@ B. info: lo so che mi ami, me lo dici sempre! anche se non è mai abbastanza.

scherzi a parte saprei io cosa dare alle donne, altro che 8 marzo. e siamo ben lontani dall'organizzare le ladies night di cui sopra. -purtroppo-

Butel1 ha detto...

Wonder: ciao. Io non ti amo, jamais. Ciò non m'impedirà di copiaincollare il tuo intervento nel prossimo post. E' una baracca questa che va avanti anche davanti alla cattedra.

"saprei io cosa dare alle donne"
Stiamo per caso parlando della stessa nerchia (Brese "what the hell che arnese")?

ButelInfo: la bolla piace sempre, laddove contenuta. Continuiamo a ripetercelo, alla lunga le abbiamo convinte TUTTE.

Pasto: "basta con questa ipocrisia politically correct". Ah beh bella, detto da un negro trasferitosi nei bassifondi di londra per rappare meglio.

Butel Info ha detto...

Si, quella della bolla è una cosa che siamo riusciti ad inculcare nei cuoricini delle donzelle. Un po' come il fatto che "calvo è sexy".

Ovviamente nessuno lo pensa davvero, ma si dice, e a forza di dai e dai, qualcuno se ne convince pure.

Butel1 ha detto...

ButelInfo: "calvo è sexy"
Veramente lo dicono solo i calvi
BUTEL INFO E' CALVO

Butel Info ha detto...

@Butel1: sei morto.


e io sono calvo.


fine.

Butel1 ha detto...

ButelInfo: te speto fora
Comunque chill out, don't worry, sai benissimo che oggi ci sono molte speranze anche per quelli nella tua bruttissima situazione

wonder ha detto...

fiera delle banalità atto 2:
si pure il calvo è sexy, confermo e la accendo.
è vero però! sono più simpatici. uff sono un'incompresa.

B1: anche tu mi ami.
alle donne non darei quello che pensi tu, miss(ter) malizia 2008.

Butel Info ha detto...

Premetto che non sono (ancora) calvo.

E il mio "calvo è sexy" non era certo per avvalorare questa tesi, ma per sottolineare appunto, come dice la mia amata wonder, che siamo nella fiera della banalità e che "calvo è merda" sarebbe piu appropriato.

@Butel1, rivo fora e te spaco la testa, non prima di averti tolto lo scalpo ed essermelo piazzato in testa con nonchalance per coprire i buchi sospetti.

Addio.

butel1 ha detto...

Wonder: fiera della banalità/3: sì, anch'io ti amo, per semprehh.

ButelInfo: te sciaffo la testa nel cul e poi scoreso, giubbò!

Anonimo ha detto...

SI RAGAZZI AL BERFIS ERA LA SOLITA NORMALISSIMA SERATELLA MA ERA STRA PIENO DI FIGHETTINE VE LO ASSICURO!
UN BRANCO DI TROIETTI CHE ANDAVANO DA 88 AL 91..PEDOFILO..FORSE