26 febbraio 2007

Che fine farà Sentenziosi ora? Forse come quello che...

In piena blog decadence, m'impossesso del mezzo sentenziante per indicare una traccia, una ipotetica route di chiusura della nostra giovane carriera di giovani bloggers, in modo tale da rendere plausibile il nostro canto del cigno (consci, ovviamente, che a questo punto non ve n'era bisogno).

Così potrebbero andare le cose
Frut1: dopo la chiusura di Sentenziosi (della quale pare non essersi accorto) tornerà ai suoi 27 bar di fiducia, in scia alla sempreverde stagione alcolica, com'è nel suo stile: mastodontica e possibilmente gratis. Di lui si persero le tracce dal giorno successivo. Il circuito internazionale dell'arte andò avanti anche in sua assenza, senza falle alcune, nè lacrime. Rest in peace.

Butel3: già fautore della notte dei lunghi coltelli sentenziosi, si scopre questi aver abbandonato lo staff diverso tempo addietro. La perdita del fine stratega esclusivista (tre post, ma di qualità) forse poteva sanarsi. Oggi lavora come copywriter e realizza i jingle della Giochi Preziosi, gli stessi da 30 anni.

Milanes1: non pervenuta, ancora in giro per il mondo e di fatto, dall'alto dei suoi 0 post, non ex blogger.

Butel2: dopo una pacca-saluto-vecio-alcol, vende il culo come suo solito e comincia a scrivere per la concorrenza. Ma non l'appaga, il lavoro del blogger politically correct non fa per lui. Si rasa, si rifà i denti, si pompa ad infinitum e diviene modello di D&G. Contestualmente comincia a frequentare i salotti della Roma bbbene e finisce in tv. Attualmente fa il consigliere in Uomini e Donne, ruolo al quale ambiva sin dai primi tempi di Sentenziosi e pel quale come unico pegno paga regolari kermesse sessuali con Mario De Filippi. Si aggiungono occasionali ospitate a Meteore degli anni '00, programma che raggiunge i propri picchi di audience durante l'occasionale sputtanata a danno degli ex colleghi Sentenziosi. Suo il cavallo di battaglia: "Perchè la gente vuole sapere i retroscena e io sono la zoccola dei retroscena, hey".
Butel1: dei due era quello con la testa, la mente, o il demente, sempre in secondo piano causa l'ammiccante scrittura piacente del compare-rivale Butel2. Saluta tutti all'urlo di "Emochecazzofaccioio???" cui subito aggiunge un ghigno malefico rasputiniano: "Huaha io vi ho creato, io vi distruggo". Che le cose non andranno proprio così è confermato dalla fulminata seduta stante giunta dall'alto (Incommensurabile Butel0). Ma sente che forse è arrivato il momento della riscossa, l'ora di far vedere chi è realmente. In senso metaforico: tenta sì la carriera da blogger solista calandosi sempre più nei panni del suo personaggio e non smetterà mai quel cappuccio nero in testa con scritto Butel1: soffrirà così di non pochi problemi di identità e comuniczione con uno sparuto pubblico, che andrà decimandosi di giorno in giorno. Scomparirà nel nulla segnato nell'Ich dal suo fallimento. A distanza di anni la gente ancora si chiede: "Ma che fine ha fatto butel1, quello dei due che apparentemente non serviva?".

E qui si apre la rubrica "Chi l'ha visto? Sentenziosi" (ovvero il post che avrei dovuto scrivere, ma poi tanto per cambiare ho imboccato la via dell'autorefenzialità)
Beh ora pensate, una storia, la sua (Butel1), che ricorda moolto da vicino un'analoga vicenda artistica e umana anzitutto. Scaviamo nella memoria gente. Chi non si è mai domandato: "Che fine ha fatto questo qua, quello dei due che apparentemente non serviva? Quello che faceva la spalla? Quello INUTILE? Come chi? Lui!". Attualmente non si sa bene cosa faccia Butel1, voci lo danno in quel di Gardaland a prezzemolare (= smessa la maschera di Butel1, indossa quella di Prezzemolo).

Oppure...
...le cose non andranno così. Chè forse si è levata l'alba e forse il nostromo sul ponte della barca (quasi affondata) di Sentenziosi urla: "Terraaaa!".
Forse, continueremo a Sentenziare.

22 commenti:

Butel Info ha detto...

Butei, ho qui una decina di ragazze che si stanno strappando i capelli al solo pensiero di una eventuale chiusura del blog. Fate la cosa giusta, e loro vi ricompenseranno a dovere.

Alberto ha detto...

Il fatto è che tenere un blog è stimolante ed interessante, ma poi ti costringe a scrivere su tutto, e con una certa frequenza, e magari uno, dopo l'entusiasmo iniziale, non ha voglia nè tempo di scrivere su tutto, e con una certa frequenza.
Se a ciò si aggiunge che sul blog, oltre a gente simpatica e intelligente, scrive anche gente che insulta e polemizza sul niente, ecco che il blogger preferisce passare il suo tempo a fare l'aperitivo, magari in Piazza Erbe.

Butel1 ha detto...

Butel Info: fora le pheeghe, fora le pheeghe!

Alberto: hey, hai universalizzato il tuo caso umano, avv., ma noi non siamo della mammolette come te! (faccio notare che qua siamo noi quelli che insultano e polemizzano).

Scherzi a parte, il blog non morirà.
Non ancora.
Non quest'anno.
O questo mese.
O questa settimana, almeno.

Butel 2 ha detto...

Certamente vero Alberto.
In verità non sono solo queste le ragioni. Alle tue causali vanno certamente aggiunti scarsezza cronica di tempo.
Io credo che il corso di sentenziosi 1.0 sia chiuso. Presto aprirà il corso di sentenziosi 2.0 evoluscion.
Rinnovarsi o morire disse qualcuno qualche anno fa..

Vorrei inoltre segnalare:
il gradito ritorno di butel2 nella cabina di guida del blog

see ya

Incommensurabile Butel 0 ha detto...

Il blog chiude quando lo decido io, pezzenti. Quindi, a laurà, barbuni!

Faccio inoltre notare come i butei siano tornati affiatati come ai bei tempi, si veda la contestualità degli interventi di Butel1-2.

Che tenevi.

duchamp ha detto...

Ci vorrebbe una stramaledetta idea, ma non esce, non esce più da anni, zio billy !
D'altra parte non si può essere creativi tutti i giorni.

Una volta avevo pensato di aprire centro benessere per persone pigre. La gente non doveva fare un beneamato cazzo tutto il giorno, pena l'esclusione dal centro.
Il fatto è che la gente non sta ferma mai...deve fare qualcosa, qualsiasi cosa, anche lavorare, piuttosto che niente...

Data da fare qualcosa alla gente, e sarete ricoperti d'oro!

Alfie ha detto...

Propongo di aprire il blog "SENTENZIOSI DE' NA' OLTA", in una caverna sotto Piazza delle Erbe, rinchiudiamo 20 pensionati, con 20 pc e vediamo cosa ne esce...
Io credo che questo blog non morirà mai, soprattutto perché a Verona, esisterà sempre qualcuno ama prendere per il culo sia se stesso che gli altri, ma più gli altri!!.. Sentenziando come solo una vecchia battona sa fare...

Butel Saval ha detto...

No, sentenziosi non chiuderà mai. Potrà chiudere nel web versante, ma dentro ognuno di noi vivrà, perchè tutti ormai siamo diventati eccellenti sentenziosi. A presto un post su un locale in zona Veronetta.
In sentenziosi We Trust!

BUTEL08 ha detto...

Poveri comuni mortali....Sentenziosi è già morto...non ve ne siete ancora accorti??

Ma come l'araba fenice, risorgerà dalle sue ceneri più cattiva e sentenziosa che mai....

Butel1 ha detto...

Grazie a tutti per l'accorato supporto da veri groupies.
Vi siete così meritati il titolo di sext toys dei Sentenziosi.

Comunque non credo Sentenziosi sia ancora morto.

nutria ha detto...

qualche dritta riguardante il nuovo fashion bar si sommacampagna?

Butel 2 ha detto...

Eccoti la dritta: Un fashion bar a sommacampagna?? Non esiste.
Detto questo possiamo chiudere i battenti.

Butel Info ha detto...

uhm..pare che negli ultimi tempi tutti i paesotti più depressi della provincia stiano tentando il colpaccio con un "originalissimo" fashion bar o simile..vedi Villafranca, dove si è cercato di coprire il puzzo di concime e di ripulire le ragnatele dell'orrenda stazione con Lo Scalo, un po' fuori luogo, direi. Ora ci si mette anche Sommacampagna? Io ci ho vissuto dieci anni, ed era già tanto che quando andavi a fare spesa non ti mandassero via bestemmiando...e adesso cosa fanno? Un fashion bar...ma andate a raccogliere le patate, và.

nutria ha detto...

Ho bisogno di informazioni più specifiche.

Butel Info ha detto...

ok, mi informerò personalmente recandomi a Sommacampagna..prima però devo assicurarmi che la gente di li conosca il mio idioma, ovvero l'italiano.

nutria ha detto...

Si si facce sapè.
Le immagini di Rockabilly non parlano chiaro.

Butel1 ha detto...

Un fashion bar a Sommacampagna?
Non c'è più religione, lo stupro linguistico (e d'immagine) ormai è alla portata di tutti, anche dell'estrema voce ruspante.

Del resto, è così che doveva finire. Il centro urbano di ogni città media italiana imitato a dismisura dal proprio hinterland con annessa provincia.

E poi venne "superato" il centro.
E s'avviò la deurbanizzazione.
E poi ci si stufò anche in provincia.
E si tornò in centro.
[teoria dello sviluppo urbano brevettato, s'intende]

Comunque, dopo questa notizia, Sentenziosi DEVE sopravvivere per sentenziare sulla faccenda*


*a breve avrete indicazioni più precise sulle nostre coordinate bancarie, grazie

b ha detto...

Dai butei!!! Non potete lasciarci!!!
Se no dove lo trovo un post di una lunghezza stucchevole, che dopo cinque righe ha già fatto venire l'emicrania, con una idiosincrasia globale, un post composto da un'unica frase ipotattica che strema il lettore fino al vomito, una recensione oculata e denigrante che sconfina nel trash, nel pulp, nel fetish e spesso anche nel kitsch, uno di quei post per cui ricevete ottantacinque commenti, ma di cui il novanta percento sono vostri perché vi piace, dall'alto della vostra posizione di maschi dominanti/dominati del branco, vantarvi di voi stessi e compiacervi, non senza nasconderlo, trastullandovi amabilmente e amorevolmente a vicenda fino allo stremo della retorica e della dialettica, fino a scavare nei più profondi meandri della conoscenza umana ma al contempo sconfinando in argomenti inutili e tediosi, riuscendo tuttavia, senza sforzo apparente e con un savoir-faire degno dei più grandi parvenu dei gloriosi tempi che furono, a tramutarli immancabilmente in acute e sagaci osservazioni degne di un saggio eremita che grazie a una meticolosa meditazione è giunto a possedere una visione del mondo adamantina, uno di quei post che non tutti riescono a comprendere in quanto composto da una parte esoterica, per i più attenti e preparati, e una parte essoterica per coloro i quali perdono di vista le cose importanti della vita (leggasi la pheega e l'alcol) che lascia tutti di stucco per la sua semplicità e la sua sporca e subdola nonché inutile complicatezza, ma sempre lasciando il lettore con l'effimera sensazione di essere stato appagato dalla lettura in quanto convinto di aver compreso appieno la vostra scrittura rotonda e semplice non capendo che in realtà la metamorfosi logico-sintattica in lui, e ovviamente in voi, è già iniziata fin da quelle prime righe di mero e banale preludio a quello che si appresta a essere un qualcosa di più di una manciata di bit denigratori pronti a spargere zizzania e a portare vento di tempesta tra tutti e su tutto??

Che ho detto?! Boh?
Va beh... Andiamo a bere.

Butel1 ha detto...

Sì B. Uno dei pochi a capire come stavano le cose.

Noi maschi dominanti. Gli altri sex toys appunto.

Grazie.

Butel Saval ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
frugulla ha detto...

Ormai che siete in ballo ballate fino alla morte cari sentenziosi, anzi balliamo, tutti noi,assieme
avvinti come l'edera....
Dove, se non qui, possiamo sfarfalleggiare, esporre le nostre code di pavone, sfoggiare saccenza o retorica o semplice prosopopea, avendo qualcosa da dire ma anche no
Dove possiamo soprattutto gonfiare il nostro ego con kilometrici e tediosissimi post come, un nome a caso, quelli di Du..scusate volevo dire di Frugulla?

duchamp ha detto...

ah ah ah ah ...
merdaviglioso !