12 marzo 2007

Trento's challenge..Sentenziosi al Momà


SENTENZIOSI HEADQUARTERS IN TRENTO

103456-34222 ZULU

7/03/2007

ORE 8:00



Butel4 giunge puntuale, lo aspettavamo da tanto noi Sentenziosi qui a Trentanamo. Davvero avevamo bisogno di lui. Due sentenziosi, due seal pronti a tutto. Una sola missione, salvare quel puledro dopo aver prelevato dei reperti antichi ed esserci assuefatti all'amaro sapore del Montenegro, volando su un biplano bimotore bistrattato e bisognoso di riparazioni. Due pacche sulle spalle, battute sconce, commenti beceri così come ci insegna Butel2.


Ad ogni modo ci trovammo 11 ore più tardi davanti al Duomo per poi affrontare il primo target della nostra serata, l'aperitivo “da Giorgio”. La bruma ci avvolge, ci mescoliamo alla folla che gremisce l'uscio. Butel4 non si fa pregare e subito ci ritroviamo nella mischia per un bicchiere di spritz all'ombra della facoltà di Economia.

Che si scriva così o meno, la suddetta bevanda non entusiasmava, ma l'ambiente non deludeva le aspettative di blando conforto reciproco riguardo le aspettative sulla imminente notte a Trento. Un sostegno che dai ce la facciamo.

Ma nemmeno il tempo di carpire le certe informazioni che avremmo sicuramente raccolto, che una pioggia insistente scatena solo il nostro fuggi fuggi al grido “Non ce la farai Trentanamo!!”.


Ci siamo in breve riorganizzati e dopo circa 3 ore e mezza eccoci di nuovo per le strade con il solo scopo di liberare questa città da anni di pregiudizi volenterosamente impegnati a seppelirne il ricordo sotto metri di noia quando non di neve.


Main target MOMA', locale ancora in fasce e di fresca inaugurazione nelle mani di uno staff consumato. Prendiamo contatto alle 23:30, il mercoledì è serata universitaria e gratuita. Scendo delle scale con pareti a specchio preceduto dall'apripista Butel4. Devo ammettere che la realizzazione del locale mi ha ragionevolmente sorpreso, linee pulite, un bel bancone, tavoli opulenti, divani in pelle,giuste luci tra il rosso ed il bianco. Volgiamo verso la pista nella sala più grande. La struttura a volte questa volta non opprime l'eventuale ospite, divani semi circolari tradiscono il passato della struttura, che qui ospitò il night club “Mandragola” pace all'anima sua che vagherà per qualche girone.


Locandina ufficiale dell'inaugurazione









bancone with some drinks but no food at all

La clientela conferma la natura della serata, le pheeeeghe che tanto ci piacciono non mancano. Uno sguardo con Butel4 e siamo già fuori diretti al bersaglio secondario la celebre “Cantinotta”.

Disco-risto molto figo poco lontano, con le fattezze di una cantina da salami, da botti, da piano-bar, con qualche tavolo qualche divano muri con pietre sassi legna e antichi graffiti rupestri. Sulla pista due strani individui ma poca clientela, in attesa di altra clientela a sua volta in attesa di clientela per giustificare la propria presenza di clienti.

Evacuiamo. La decisione era presa..serata al Momà.

Ma prima...Boston Pub, fast food nei pressi con modici prezzi specie sugli amari nazionali..poca spesa tanta resa, all'insegna del drink low-cost venendo a patti con il fascino dell'arredamento.


Butel4 finisce d'un sorso il suo sciroppo al limone e ci troviamo nuovamente dentro il Momà. Il locale è pieno, la pista colma, la clientela è quella paventata e ci sono pure gli sbronzi, e per fare qualche metro occorre sgomitare il giusto e le pheeghe non sono andate via...



Questo lo offre la photogallery del sito ufficiale



Cosa ti turba allora Butel4? Hai pure una Bud fresca con goccie e riflessi bronzei in mano...

Allora capii. Non era la bella dancer in bianco con le sue generose forme e nemmeno la ragazza dei sessanta e nemmeno quella zebrata alla ottanta-perché perché non sei nelle foto....

Stacco aulico, qualcuno mi passi una cetra..


Butel4,

Tu che ami le onde pompare sonore

con le casse allungare le ore

che scorron sul caldo e bagnato crinale

dove la carne si muove ferale

di fronte all'unico scempio dove mai ti sei piegato

se non quello del volume verso il basso ripiegato.


ATTENZIONE, al Momà la commerciale, l'house, la techno, l'hip-hop sono trattate tutte allo stesso modo: A BASSO VOLUME.

In effetti ai nostri occhi questo è stato il marchiano fallo per quella sera. Ambiente e atmosfera assolutamente di livello, buone presenza, ma c'è chi va in disco per sentire del baccano ed è giusto che quel qualcuno venga confortato con centinaia di decibel.


Perlustriamo ancora il luogo, ammiriamo i lussuosissimi priveè. Mentre stiamo uscendo s'ode un singulto com'eco d'un grido che fù: seven nation po po po po po po. Due voti in meno alla faccia del resident della Bai Imperiale con licenza di salire a Trento.


Trentanamo non ci ha vinti, il locale non ha deluso. Torneremo per valutare ulteriormente e sfonderemo la linea “Cantinot..ta”.

Qui terminano le trasmissioni della squadra 5th November, distaccamento Trento.

17 commenti:

Butel1 ha detto...

Ottima cosa.

Peraltro, il madrigale per Butel4 andrebbe recensito e commentato su La Frusta Letteraria!

Il Momà non ha quel kitchissimo tavolo piscina?

Frut di Udin ha detto...

Bravo butel3!

Quand'è che ci presenti qualche tua amica trentina?
Bionda e con un bel culo per butel1 e per frut1 basta che respiri,grazie

Anonimo ha detto...

bravi.

Butel1 ha detto...

Frut1: temo ciò possa non accadere mai, sento odor di politica del "tengo tutte le pheeghe per me". Sangre y muerte.

Anonimo: thanks. Ovviamente il complimento era per quel "basta che respiri", by Frut1. Detto anche l'Uomo Triste.

frugulla ha detto...

Ottimo ottimo butel 3
Vedo che la provincia autonoma la state conquistando
La noia iniziale, ecco e ti pareva ancora locali ficherrimi e disco, si stempera nella lettura
Mi rallegro sapendo che esistano ancora posti con musica a basso volume: luoghi acconci a interagire con le pheeghe locali
Pensare che a Trento ero andato solo al Soultrain, molto alternativo e con belle alternative, molto socievoli e disponibili, ma troppo effetto interzona, anche se in versione migliorata
Ecco dunque un altro paio di dritte su Trento, città dove a volte mi reco, per mere nostalgie di perduti amori, con i quali peraltro faccio sempre più che gradevoli rimpatriate

Butel3 ha detto...

ahi lasso, il soultrain l'hanno chiuso..per il tavolo con piscina inside dalla foto sembrava più che altro un cestino ma assicuro che sgombro da vuoti e sporcizia varia non sfigura.

Frugullino/a, a Trento di qualche locale ficherrimo si sentiva il bisogno, a presto un post di soli loci soffusi. Riconosci però che baldoria e 400watt per cassa non stonano.

Butel 2 ha detto...

Si insomma dal commento di frugulla emerge che è un pippaiolo nostalgico.

frugulla ha detto...

No caro butel 2, pippaiolo no, preferisco concludere, per quello preferisco luoghi dove l'approccio e il parlare siano facilitati
Nostalgico si, ma è uno stato di grazia

Butel1 ha detto...

Sorry, Fvugulla, ma caldeggio anch'io il pippaiolo.

Che poi sarebbe un'arte, s'intende.

frugulla ha detto...

Sei un'esperta cava, ti aspetto che mi insegni

Butel 2 ha detto...

Ah dimenticavo: All rights reserved for "Battute sconce di butel2".

Avia ha detto...

Ciao!
Qualche giorno fa sono stata al Momà. Sapete per caso se ha un sito ufficiale?
A presto

Butel1 ha detto...

Dovrebbe trattarsi di www.momaclub.it, prova

Avia ha detto...

Niente, purtroppo dice che la pagina non è stata trovata.
Pazienza, grazie lo stesso.
Buone feste

jan ha detto...

oh butei (in trentino si dice putei.....),trento nn offre di+... e pensa a qnd nn c'erano momà e cantinotta! la prox volta andate al SUPERBINARIO..... lì si che c'è da ridere!!! (se nn entri ubriaco esci dopo 30 secondi sopratutto noi veronesi che siamo ben abiutuati)

Butel3 ha detto...

Caro jan..sapessi.sono sotto pressione..sai..la redazione...qui è esigente...urge lavoro su post che testimonino la mia attività di frequantatore di bische a Trento. E se noi Veronesi siamo ben abituati..non mi resta che impugnare un coltello e gettarmi contro un autobus.

Legolas ha detto...

Il sito ufficiale del Momà è quello dello staff organizzatore www.69orgy.it