21 novembre 2007

L'Arena - Il Giornale di Verona

Aggiornamento
Ribadisco totalmente il mea culpa: questo articolo andava semplicemente pubblicato e commentato riga per riga, stronsada per stronsada, esattamente come si fa ad una prima lettura. Come non farsi provocare da lievi momenti di tenera ilarità leggendo di:
-"E' il momento dei blog". Nel 2007. Il top della gamma. Entrano comunque in chart:
-"RITI E MITI DI INTERNET". Ovvero? Quali, chi? P-prontooo??
-non posso credere che ci abbia spiegato "«Sito mona?», gioco di parola dal sul doppio significato di «sito»"
-"i fili della ragnatela elettronica globale", cioè la internet, sulla quale navighi con la tua zattera in silicio-plastica
-"questi diari in pubblico che sono i blog" ah sì è vero, e poi ci fu nel 2003-04 il momento in cui tutti definirono il blog il diario personale
-fermo restando (by Upstream) che la sparata de IlVeronese da "Lei non sa chi sono io" (Eh no che non lo so, chi cazzo siete, che ve conosce?) è subito vincitrice ex aequo: "...lei Beltrame non si rende conto...". E tutti a slacciarsi le cinte e mollare pertiche di 7,2 cm con sicura eiaculatio praecox
[fine]

L'Arena scopre ed elenca alcuni blog veronesi in un pezzo piuttosto tragi-comico. Ma si dimentica di sfotterli e finisce per sfottersi. Perchè, come hanno detto al Beltrame, c'è sempre il sospetto che il blogger sia un segaiolo (cit. da VeronaBlog "Non vorrei dar ragione a quel mio amico che sostiene che troppi blogger sono dei frustrati esibizionisti e segaioli"). Certo che lo è, almeno quanto il giornalista.
Tra tentivi di pubblicazione e autocensura, Sentenziosi propone una fino a questo punto inedita analisi sulla discussione, analisi che sì è caustica ma rischia di essere quasi seria e poco burlesca. Sottolineo quasi e non poco. E vi espone un paio di punti di vista divenendo piuttosto sbruffona. Poi comunque da in pubblicazione il pezzo originale e allora la butta in vacca come sempre.


l'arena il giornale di verona


Polemica sì, polemica no: contropolemica!
Salve. In origine avevo dato genesi alle righe presenti di seguito un paio di sere fa per noi farci (il pronome inclusivo vuole richiamare attenzione sul sottoscritto, sui co-editori, nonché sui 7 lettori rimanenti) una risata lievissima e gratuita su un altro nobile esempio di giornalismo locale che marginalmente - molto marginalmente a onor del vero - chiama in causa il sito degli editori che qui poggiano il proprio deretano.
0,1 secondi dopo, già fiutavo aria di mediocritate in arrivo, il trashometro ovvero Scala Butelli certe cose come sempre le prevede: l'innocente pezzullo sui blog veronesi ("La febbre dei blog contagia l'Afric... ehm Verona") di Giancarlo Beltrame sull'Arena, Il Giornale di Verona - ah, che giornale... - di un paio di giorni fa, ha prontamente e "insospettabilmente" dato il via al nuovo sport locale "Daje al Beltrame daje".

Abbiamo preferito arrestarci. Non c'è gusto a fare la coda, se la polemica non è underground e non ci arrivi per primo o pseudo-primo, lascia stare, il tuo egotismo ci guadagna. Ok, ok, il Beltrame ha tutte le proprie colpe speculative ed è giusto che espii con doppia pubblicazione giornaliera su l'Arena (brrr), ma si è chiuso facilmente l'occhio su altri dati di fatto quali ad esempio la disinteressata sottovalutazione della galassia/filosofia blog che getterebbe sulla stessa una luce un po' sdegnosa. E va bene, si aggiunga.

A questo punto il mio intervento meritava una correzione: aggiustare il tiro, superare la mancata polemica, lanciarsi nell'inutile contropolemica. Quasi riuscito.
Infine pubblico a mo' di contranalisi e retrospettiva - prassi già cara allo stesso Beltrame che certamente comprenderà e mi stringerà la mano in segno del celebre (eh?) onor di cronaca in differita - introducendo tre ulteriori precisazioni, nuova anima di un vecchio post.

[a chi servisse anzitutto prendere visione dell'articolo dell'Arena, l'integrale si trova in fondo]

Tre ulteriori premesse, la seconda sull'articolo, la prima no, la terza insomma
1) Fissatevi questa percentuale del 99, grazie. Sentenziosi sposa quel corpus di tesi che generalmente vedono essere il blogger "quello con le occhiaie" e, sostanzialmente, il 99% della blogosfera come un concentrato di onanizzatori incalliti, intimamente convinti di produrre e diffondere contenuti di mi sfugge quale rilievo attraverso mi sfugge quale forma di scrittura creativa di qualità. L'altro attacco generale che sovente è rivolto al blogger è quello di sostanziale inettitudine, quasi fossero tutti i blogger dei novelli Zeno Cosini in erba: la serietà con la quale il blogger medio s'imbarca nella sua religiosa professione (quale?) non sarebbe controbilanciata da un'adeguata redditività (appunto!). Del resto se ciò che fai nel mondo e nel tempo che hai a disposizione ti qualifica e magari ti da da vivere (magari), come giudicare l'utente di blog, l'utente di un modello economico nel 99% dei casi (ridaje) non vincente? E come dimenticare che il blog (=non tanto weblog, ma sinonimo di "sito semplice") è geneticamente il mezzo dell'utente internettiano inesperto. Per blindarci da ripercussioni e percosse su questo punto - punto che non si discute a mio avviso - ci tiriamo immediatamente dentro il fenomeno e ci masturbiamo con tutti voialtri (da qui l'odio per noi stessi, bla bla bla), così la fate già finita e passate oltre.

L'altra parola d'ordine - almeno qua in Europa, specie in Italia in questo momento, perchè negli states l'ossessione è molto inferiore - è 2.0. Tutto dev'essere dueppunttozzzero, il blog è tra le modalità al centro della rivoluzione dueppunttozzzero. Sostanzialmente trattasi di una presunta e sedicente rivoluzione copernicana di internet che rivaluta completamente l'utente mettendolo al centro di ogni logica, di ogni attenzione, dandogli tutto lo spazio che merita e facendogli fare quel cazzo che vuole, l'importante è ascoltarlo e fargli creare i suoi fottuti contenuti (dei quali ovviamente non frega un cazzo a nessuno esclusa la propria solita cerchia di conoscenza, ridotta dell'xx% ovvero di quelli che in rete non ci vanno) , perchè hey sì cioè è bello così.
Sentenziosi, sicuramente nella mia butelissima persona, trova ancora forti simpatie per il modello di comunicazione 1.0, in particolare per l'immortale logica vecchio stile (tradizionale millenaria, mica cazzi) del "Io sono la star di questo show, Io sono dio, Io creo i contenuti, tu li ciucci, se ti piacciono mi adori pure, ad ogni modo non hai diritto di replica, stronzo! (ma puoi sempre evitarmi, fatti furbo)"

2) Se pur si può criticare l'innocente speculazione(?) beltramiana, non vedo perchè concentrarsi su obiettivi ("Scrivere per i propri lettori") e risultati ("I propri lettori sono potenziali rincoglioniti") dell'articolo del Beltrame.
Ma cristo santo, a tutti sfugge che quell'articolo è dannatamente divertente, comico anzi tragicomico? Noi abbiamo riso ogni tre righe, forse ogni due, ok ogni riga. Questo è il fatto: l'articolo di Beltrame fa ridere. Involontariamente ridere, s'intende. Stop.

3) Siccome lo zoppo va col cieco o come cazzo era quel detto, IlVeronese.it entra a gamba tesa nella discussione sempre su VeronaBlog

l'arena di verona contro il veronese

forte dell'art.101 della legge/codice ad minchiam e comunque nel segno non tanto di facili moralismi (nooo) ma di un buon giornalismo (quale? Il loro? Che è, hanno bevuto?), richiama l'attenzione del Beltrame sull'articolo a fianco - sì, è assurdo, tutto parte da un articolo e si sposta su un altro, prossimo non per tematicità ma per... misure! - in cui una grande, magnifica intervista al grande, magnifico Gioba da' adito ad un grande, magnifico copia-incolla. Mh, se è vero, qualcuno (=il Nostro, sempre Beltrame ovviamente) ha frainteso Weinberger, uno dei maggiori guru in materia: "Honor the conversation" (onora la conversazione) e non "Copy&paste the conversation, in particular way those stupid conversations from the IlVeronese.it" (copia e incolla la conversione, in particolare le stipidate del Veronese - oh dice cisì, non è una coincidenza meravigliosa?). Scherzi a parte. Poveri tutti.

Questo è quanto.

DI SEGUITO IL POST ORIGINALE


"Beltrà, te che ce sai de internette, c'o scrivi te er pezzo su li blogghe?" [un evergreen targato Macchianera, già GnuEconomy, giusto per non piasciare fuori dal blog-vaso]
sottotitolo: combo-divertissment del giornalismo scaligero

ovvero "Gianca, ti che si bon de usar l'internet, saressito mia anca bon de scrivar qualcosa de sti blog, dio bono?". No, non siamo all'Osteria ai Preti e no, non siamo sbronzi.
Si tratta di una delle possibili consegne rivolte dal capoccia del peggior giornale locale in circolazione - che dite, L'Arena? Sì, L'Arena (hey, ma come avete fatto a indovinare mi chiedo...) - al buon Giancarlo "voia de lavorà saltame addosso" Beltrame, in evidente e inedita(?) crisi depressivo-culturale.

Fatto
L'Arena, nella penna di Giancarlo Beltrame, indaga labilmente la galass... pardon quell'agglomerato di sputi culturali costituito dai blog veronesi, tra i quali il nostro real giallone sentenzioso. Il pezzo trasuda riga per riga lo sbigottimento e lo stupore palesatesi media res dell'acuto giornalista, emozioni paragonabili a quelle provate da un dodicenne che scopre da solo "certe" cose, e non gli sono state spiegate dai propri genitori:
a) il Beltrame si avvede dell'esistenza di una serie di blog a Verona: ci sono dei blog a Verona, ed esistono pure delle premiazioni di categoria, "che bravi, che belli 'sti blog!"
b) "Blog?", conseguentemente scopre su Wikipedia (trafiletto a fianco) cosa è un blog. Non capendo ad ogni modo una fava, opta per un agile copia-incolla dell'intera voce d'enciclopedia.
Ci si stuzzica il riso.

Sentenziosi prende mano allo scrigno degli inenarrabili segreti di stato e vi rivela le altre consegne in lizza di plausibilità per la creazione dell'articolo del Beltrame

-"Beltrà, li ragazzi der delitto de Peruggia e quer tifoso d'a Lazio c'hanno er blogghe, perchè non ce scrivi che mo' vanno de moda li blogghe?", sicché Giancarlo "l'internet è robba mia" Beltrame non perde l'occasione per passare dal particolare all'universale non senza una certa imperizia: se persino chi ha ucciso Meredith ha un blog e persino chi tifa Lazio ed è stato ammazzato ha un blog, dannazione allora sì che i blog sono un fenomeno che contagia, ora sì che i blog sono di moda. Ecco l'incipt che ci vuole: SE recenti fatti di cronaca nera --> ALLORA "la febbre dei blog contagio anche Verona". Non fa una grinza, mh...

-"Beltrà, che ce l'hai scritto er pezzo de cultura? A' consegna sta tra cinque minuti Giancà", cui Giancarlo "mamma mì se sto annoiato" Beltrame, colto in flagrante mentre giocava a solitario col proprio Windows 95, rimedia digitando nella barra indirizzi del proprio browser (quella roba, per andare su internet insomma) le lettere che compongono il dominio Veronablog.com, studia velocemente il contenuto ("Verona + blog... mh... un blog di Verona, tah! Quello che mi serve, evvai di pacchia!") quindi scrive il pezzo divulgando la non-notizia.
"Tanto che nei mesi scorsi sono stati creati persino i Verona Blog Awards, gli Oscar delle pagine personali scaligere". Appunto, nei mesi scorsi, normale analizzarli oggi. Puntuale come il regionale Trenitalia. Particolarmente risibili i toni da velata scoperta dell'acqua calda. Come se a novembre uno si concede un reportage degli scorsi Oscar di febbraio, ma per favore.

-"Beltrà, c'a famo mica a infilaje n'artro pezzo de finta cultura n'a cronaca?", cui Giancarlo "chiamatemi Beltra, James Beltra" Beltrame risponde, non senza ampi cenni di ammiccante compiacimento come di chi ha la pronta risposta alla più ovvia domanda, con un pezzo ad occhio preparato settimane prima, ovvero in occasione dei VeronaBlog Awards - perchè è di questo che si sta parlando - e mai utilizzato, magari letto proprio sulla concorrenza (Il Verona pubblicò un articolo di foggia molto, molto simile)

-"Beltrà, vedi de non fa' er furrbo, leggili 'sti blogghe, me raccomanno!", cui Giancarlo "tra cinque minuti stacco" Beltrame risponde con gli ennesimi pregevoli, comodi, non impegnati e non impegnativi copia-incolla. L'articolo s'arrotola su se stesso e prende una piega da Pagine Gialle. Sospettiamo (e con sospettiamo intendiamo abbiamo la certezza) che Sentenziosi, tra i blog citati, non sia nemmeno stato visitato - e si tratta di una scelta azzeccata, siamo d'accordo in primis e ci stringiamo italianamente al Beltrame nella sua scelta di sostanza - perchè, non scherziamo, se la citazione si riduce a:
"Per la provocazione sui temi cittadini, come fanno i «Sentenziosi» su http://sentenziosi.blogspot.com, che si autodefinisce «Un blog intento a prendere per il culo locali, discoteche ed eventi a Verona (e non solo) ma anzitutto se stesso», all’insegna della parola d’ordine «non aver nulla da dire ma sentenziare su ogni cosa»,
allora mentre copia-incollava la descrizione del nostro header, gli sfuggiva il menù a destra, le altre dieci città. Per il resto, Sentenziosi tratta Verona solo quando ha qualcuno da sputt... ehm nobili argomenti scaligeri di cui disquisire all'insegna di una sana stima reciproca (ooohh). Tipo... questo articolo de L'Arena?
Ad ogni modo ce l'hanno chiamato un po' in tutti i modi 'sto sito, ma tale e quale alla descrizione della prima riga mai. Almeno mettici un sempreverde "Video choc!", dico io!

-"No Beltrà, leggili vabbuò, ma non è che adesso te ddevi sforzà de imparà tutt'a storia di 'sti ragazzì cor li brufoli, mettisce un titolo fascile pe tutti!" e Giancarlo "mica mo faccio dì du volte" Beltrame è lì lì pronto che non aspetta altro, sicchè l'iniziale sinossi del tutto che questi propone è semplicemente:
"La febbre dei blog contagia Verona. RITI E MITI DI INTERNET. Portati alla ribalta da recenti vicende di cronache, sono sempre più diffusi anche da noi, tanto che i migliori sono stati addirittura premiati"
Titolo nemmeno malvagio, ammetto infatti che mi ha spiazzato il mancato varo del titolo "La febbre dei blog del sabato sera", solitamente ottimo incipit per descrivere il fenomeno blog come quello (e al 99% si tratta del verosimile) di giovani sfigatissimi geeek/nerd del sabato sera i quali dalle 20 sino alle 06 stanno sul loro blog a conteggiare commenti che puntualmente non arriveranno, titolo che probabilmente fino all'ultimo ha spalleggiato con "Blog? Sì grazie!" e "Ed è subito blog..." e magari "Verona blogissima" (brrr)

-"Ah, stamme a sentì, Beltrà, rricorddate che abbiamo a che fa' cor publico che sa n'cazzo de compiuder, de internette, fa 'na cosa semplisce, magari fa 'na rassegna velosce e via" e figurati se Giancarlo "lista della spesa in the house" Beltrame non aveva già la lista della spesa in the house. Eccolì là, i migliori (e pensa gli altri) blog di Verona in elenco, ripescati in overtime direttamente dai Blog Awards con url e breve descrizione (in genere farina del proprio sacco) di uno-due righe. Ora il pubblico è certamente edotto riguardo alla materia e domani al bar il lettore medio de L'Arena saprà infilarsi a gamba tesa in ogni discussione e argomentare di gran gusto che
"Seto che a Verona ghe i blog?"
"Cioè?"
"Niente. Sa bevem?".


Buona la prima? Certo
Plausibile reazione di un direttore, di un caporedattore qualsiasi, della donna delle pulizie: "Ah Giancà, ma vavang... va'!" [Oh, loro direbbero così, con tutto il rispetto per Beltrame e per i bambini eh]
Reazione negli uffici L'Arena: "Ottimo Gianca".

Torniamo seri
-Chi si sorprende? Per quale motivo? Da anni leggiamo su quotidiani e altri media italiani, di giornalisti che - con esiti piuttosto tragicomici - scoprono e presentano il web e le nuove declinazioni di contenuti personali che la rete sa produrre o meglio distribuire, amplificare. Ovviamente approcciano il fenomeno da neofiti, inesperti, spesso incompetenti. Il che in fondo trova pure un fondamento generalizzato, si tratta di un comportamento ancora diffuso nel nostro paese, il web cresce soprattutto (com'è normale, quando si parla di tecnologie) nella nicchia gggiovane. Sotto sotto alberga sempre il sospetto che 'sta internet sia una cazzata, mezza o intera (e, ripeto, spesso lo è, vedi il 99% dei blog). Sì d'accordo, si manda qualche mail, si visita ogni tanto qualche sito interessante, stop. Inutile dire che le materie IT e web richiedono specifiche competenze (come in ogni campo e soprattutto nei campi dell'informazione, mai visto un vaticanista che scrive di mercati azionari statunitensi), perlomeno se si sceglie - e probabilmente dovrebbe essere questa la linea editoriale di una testata - la strada della qualità. Ooopps!

-grazie a dio, Beltrame non ha scoperto l'etichetta 2.0, altrimenti ora staremmo a spiegargli che "No, non si tratta del blog della Biennale".

-solo noi ci siamo accorti del generale alone anni '90 dell'articolo? Nei primi anni '90, diciamo fino alla diffusione su larga scala della connettività e dell'ottimizzazione dei primi veri e seri motori di ricerca, accadeva che fossero i giornali a segnalare i siti web da visitare, secondo un normalissimo metodo word of mouth

-volete ridere? Meraviglie delle meraviglie (certo, non c'è mai fine al peggio, che vi pensavate?), in tema di lotte giornalistico-intestine ovvero carta&straccia, IlVeronese.it lancia il proprio personalissimo J'Accuse (se vabbè, in verità è più un peto, forse un belato di pecora) al Beltrame perchè l'articolo in fianco, su tale Gioba, sarebbe integralmente ricavato/mutuato da contenuti originali del loro quotidiano online. Sì, avete capito bene:
a) all'Arena avrebbero (avrebbero? L'imputato è proprio il Beltrame) mutuato contenuti dal Veronese. Ma si può? DAL VERONESE? Sulla Voce di Molfetta non aveva trovato niente?
b) (forse) copia, e viene colto con le mani nella marmellata praticamente subito. Ma si può? Le operazioni di copia-incolla, come Frut1 insegna ("Dio salvi il copia-incolla!"), se si fanno, si fanno di livello, eh!

Per il resto il discorso dei contenuti mutuati/copiati/clonati dal web è vecchio come il cucco (Mike Buongiorno), a tutti i livelli, in tutti i settori di business, è una diatriba di metà anni '90 alla quale ora certamente non sapremmo aggiungere tasselli mancanti. Si dica solo che siamo di fronte alla colma misura, al doppio livello di disperazione, ad una coppia di disperati: se L'Arena per sopravvivere avrebbe mutuato IlVeronese.it meritandosi de iure e de facto il rilievo in fronte della "L" di "Loooosers" (eppure sospetto sappia fare di peggio), i toni seriosi di questa


l'arena di verona
[Veronablog.com]


fregnaccia de IlVeronese.it sono da incorniciare nella bacheca "Anch'io vorrei stare coi looooosers! (e ci sto riuscendo alla grande)"

-notare l'impiego di un linguaggio da novellista di inizio, forse metà Novecento
"lungo i fili della ragnatela elettronica globale"
Novellista ubriaco, del Novecento.

-giacchè Beltrame forse si è voluto inserire nella fessura del giornalismo di servizio, voleva offrire insomma una serie di indicazioni di utilità e interesse, vorrei far presente che nè domenica nè lunedì le visite al nostro sito di coloro che vanno a digitare direttamente sentenziosi.blogspot.com sono rimasti invariati. Praticamente l'articolo non ha sortito - almeno per noi - alcun effetto. Molto bene.

Alleghiamo l'articolo originale pubblicato su L'Arena

La febbre dei blog contagia Verona
di Giancarlo Beltrame

domenica 18 novembre 2007 cronaca pag. 20
RITI E MITI DI INTERNET. Portati alla ribalta da recenti vicende di cronache, sono sempre più diffusi anche da noi, tanto che i migliori sono stati addirittura premiati

È il momento dei blog. I più clamorosi dei recenti fatti di cronaca - dall’omicidio di Meredith a Perugia alla morte del tifoso laziale nell’area di servizio sull’Autosole - sono stati ampiamente illustrati su tutti i media dalle fotografie e dalle parole dei blog dei protagonisti, come nel caso dei presunti assassini Amanda Knox e Raffaele Sollecito, o delle vittime, come per Gabriele Sandri. E i blog sono sempre più usati anche dai e dalle veronesi. Tanto che nei mesi scorsi sono stati creati persino i Verona Blog Awards, gli Oscar delle pagine personali scaligere. E ci sono stati fior di vincitori, rigorosamente divisi, per rendere effettive e non solo virtuali le pari opportunità, tra maschi e femmine.
La miglior blogger dell’anno, che si aggiudicata il titolo di Giulietta del Verona Blog (http://www.veronablog.com), la rete che raggruppa i blogger scaligeri e ha organizzato l’evento, è la realizzatrice del Gazebo di zia Petunia (http://ilgazebodiziapetunia.splinder.com), che nel profilo di presentazione dice solo di essere nata il 31 agosto (di quale anno non si sa) e di essere «Una pazza ;)», con il classico simbolo del linguaggio web per il sorriso con la strizzatina d’occhio. Il miglior blogger dell’anno, cioè il Romeo, è l’autore di «Tutto è contingente - Il mondo secondo Lemi» (http://www.contingente.blogspot.com), che col titolo «Ci ghe dirli» si definisce «Pseudomusicista negli Stand nel mondo del rock e, in acustico, come Eddie Rhodes. Filosofo senza portafoglio e strampalato teorizzatore di mille idee quasi mai realizzate. Come si confà ai filosofi». Il premio Shakespeare della critica è stato invece consegnato al blogger «Coniglione» (http://coniglione.iobloggo.com) con una motivazione che lo descrive come «affabulatore avvincente e documentato», la cui «produzione ha sempre espresso un tema attuale e ricorrente: l’inquietudine del cuore umano sospeso tra figaggine e non figaggine».
Miglior blog umoristico e Mercuzio dell’anno è «diarioacido» (http://www.gianfalco.it), che quotidianamente commenta il fatto del giorno in maniera ironica, alternando vignette e testi satirici, e si aggiudicato pure il Tebaldo per miglior blog artistico. Mentre quello culturale, con il relativo titolo di Padre Lorenzo, è andato a «RosadeiVenti» (http://rosadeiventi.iobloggo.com), dietro cui c’è un gruppo di amici residenti in un paese nella provincia, che ha scelto quale motto una frase di Albert Camus: «La libertà non è che una possibilità di essere migliori, mentre la schiavitù è certezza di essere peggiori». La Balia, per il miglior blog di servizio, è «El pesegato moro» (http://www.elpesegatomoro.com), versione locale e ben documentata della guida del Gambero rosso. La migliore grafica, che assegnava il titolo di Paride, è stata giudicata quella di «Alebino», «the king of the trash» (http://www.alebino.it/blog), nominato pure Principe di Verona per il miglior «post», ossia il miglior messaggio, intitolato «Secondo me le Majorettes sono incazzate col mondo», dedicato all’ultima edizione del Bacanal del Gnoco.
Ma in questi diari in pubblico che sono i blog c’è spazio per tutto. Per la politica, come in quello di Stefania Bozzi, nato per la campagna elettorale alle comunali di maggio e diventato punto di riferimento per il dibattito sulla nascita del partito democratico. «Concretezza, Cuore, Cultura» è il suo slogan e lo si trova all’indirizzo http://www.stefaniabozzi.com. Per la provocazione sui temi cittadini, come fanno i «Sentenziosi» su http://sentenziosi.blogspot.com, che si autodefinisce «Un blog intento a prendere per il culo locali, discoteche ed eventi a Verona (e non solo) ma anzitutto se stesso», all’insegna della parola d’ordine «non aver nulla da dire ma sentenziare su ogni cosa». Per la filosofia spicciola in chiave ironica, come in «Sito mona?», gioco di parola dal sul doppio significato di «sito», che si dedica ad «Acute osservazioni sul genere umano».
Insomma, lungo i fili della ragnatela elettronica globale, sempre più veronesi si stanno ritagliando il loro angolino tra pubblico e privato, mettendo in rete parole, immagini, filmati, musiche e quant’altro la fantasia suggerisce e la tecnica concede di realizzare

29 commenti:

Giancarlo Beltrame ha detto...

Vecio butel a butei... vecio butel a butei... cazzarola quante sentenze avete sparato. Niente da dire, siete proprio "i sentenziosi".
P.S. Il vostro sito me lo guardo di tanto in tanto e da prima di scrivere l'ignobile articolo sull'Arena. Se volete un consiglio, gratuito, sbrodolate meno e fatelo un po' meno disordinato.

Butel Saval ha detto...

Tristezza.

Non è la prima volta che colgo i giornalisti dell'arena a incul...copia incollare articoli da altri giornali/siti. Mi ricordo di aver trovato articoli identici a quelli del resto del carlino e, se ci fate caso, alcune notizie della nera in breve sono copia inculate dall' sito ansa per tutti. Dico, ok, ci sta prendere le notizie dall'ansa (giura?!), ma almeno, Giancà, cambiaje quarche parola, ahò!

Giancarlo Beltrame ha detto...

cari butei, si vede proprio che non sapete che i giornali sono abbonati (nel senso che pagano il servizio) alle agenzie di stampa, come l'ansa. E arrivano centinaia e centinaia di lanci (o take) al giorno. E che quindi è possibile e lecito utilizzarli. E li utilizzano tanto l'arena che il resto del carlino. Quanto alla pretesa copiatura dell'intervista è detto chiaramente nel pezzo che essa si trova nel sito di cui è riportato l'indirizzo, che si tratta di un'intervista e che c'è chi lo intervista. Fonte citata, come si dice. Mica ho detto che l'ho intervistato io. Comunque un po' meno di supponenza da parte di tutti voi non vi farebbe che bene. Passo e chiudo

Anonimo ha detto...

butei questo post è troppo lungooo

sentenziosi ha detto...

Si questo blog fa cagare.

Butel Saval ha detto...

Caro giancà, ma certo che so cosa sono i take e come funzionano le agenzie ansa (e che i giornali ne sono abbonati e bla bla bla). Io parlavo del sito dell'ansa per i comuni mortali (www.ansa.it) e di alcuni articoli del resto del carlino, scritti da giornalisti bolognesi e copiati spudoratamente dal giornale l'arena.
E il resto del carlino non mi pare un'agenzia di stampa.
Sulla diatriba tra l'arena e il sito Il Veronese non posso sentenziare,dato che non conosco la pura verità. Salut

Anonimo ha detto...

Trovo alquanto incredibile e disdicevole il modo con il quale si commenta un articolo apparso sull'Arena domenica,cioè il 21 Novembre. Con quanta acredine si sentenzia sul lavoro di un giornalista che nel bene o nel male cerca di fare se possibile al meglio informazione. Conosciamo tutti la realtà arida di una città come Verona e che fanno i bloggers ? Invece di ringraziare e magari collaborare per migliorare una realtà sociale alle "asse" come si suol dire, insultano?!!! ma quanta ignoranza!!!!

Butel1 ha detto...

Beltrame: "vecio butel a butei... vecio butel a butei"
Ok questa mi ha fatto ridere.
Per il resto: hey, cariatide, che ci fai a leggere eventi e stronsade su Sentenziosi?
E, scherzi a parte, credo che l'opinione di ButelSaval resti di ButelSaval al momento, non affronto l'argomento agenzie e competitors della stampa italiana - argomenti che, per li fatti miei e per li lavori miei, conosco bene - perchè è evidente, se la mettiamo così, che ogni notizia è servita/copia-incollata dall'Ansa/Reuters/ecc. (del resto loro servono a questi e i giornali che li riportano, li riportano, stop)
Per il resto, la tua reazione pacata è piuttosto gradita. Saluti.
Per quanto riguarda la supponenza, no be lì purtroppo non si può far niente, Sentenziosi è ingenitamente Supponente.

Anonimo: sì

Butel Saval ha detto...

Ma è ovvio che le news dall'ansa ai giornali (e ripeto, ai giornali) vengono copia incollate...è un servizio che i giornali pagano e che quindi hanno il diritto di utilizzare come vogliono. Io parlavo di notizie copiate dal sito dell'ansa per noi comuni mortali. Se le stesse notizie del sito arrivano anche ai giornali, non capisco il perchè essi debbano pagarle. E' risaputo che l'arena non goda di molta credibilità. Del resto, mi chiedo anch'io il perchè taluni la chiamino "il bugiardello".

Anonimo ha detto...

ans(i)a, sì i giornali sono abbonati all'Ansa e alle altre agenzie di stampa, ma quelli di qualità non fanno copia/incolla (persino il tabloid IlVerona rielabora le Ansa!), e questo è il succo della faccenda. Sto peccaso alludendo che L'Arena non sia di qualità? Suvvia, mai. Il problema de L'Arena (e di molti giornali) è che mettono i collaboratori a fare i giornalisti, i giornalisti a fare i redattori, insomma, un casino. IlVeronese.it me stuzzica...

C_emente Mastella ha detto...

Ai miei tempi c'era il buono e sano autoerotismo. Ora 'sti pipparoli si eccitano solo scrivendo cose insulse, su blog da fighetti? Ao' date retta, voi sapete troppi vocaboli.. Mollate lo Zanichelli! Che fatto increscioso.. quì non si parla più di pheega. I veronesi.. birra mona e pearà, quelli dove sono finiti?! Mah vi saluto anche se secondo me non siete veronesi e magari siete anche un po' culattoni. Scusate per "un po'".

upstream ha detto...

Non so se mi fa più tenerezza Jencky - commodore 64 - Beltrame che apre il suo pezzo con "È il momento dei blog". Nel 2007.
O la redazione de Il - lei non sa chi sono io - Veronese con "La cosa non finirà qui". Rumore di caricatore inceppato + bestemmie gratuite accompagnate da risa di scherno del pubblico.

Butel1 ha detto...

Upstream: siamo di nuovo in sintonia Up - mi riferisco al patatrac del puttanone trans slavo dell'altra sera - e mi prostro, totalmente mea culpa: questo articolo andava semplicemente pubblicato e commentato riga per riga, stronsada per stronsada, esattamente come si fa ad una prima (ma io e te, solo tu ed io io e te, sappiamo cosa succede quando il QI - Quoziente Idiotivo - è troppo alto).
"E' il momento dei blog" è il top della gamma, entrano comunque in chart:
-"RITI E MITI DI INTERNET" ovvero? P-prontooo??
-non posso credere che ci abbia spiegato "«Sito mona?», gioco di parola dal sul doppio significato di «sito»"
-"i fili della ragnatela elettronica globale", cioè la internet, sulla quale navighi con la tua zattera in silicio-plastica
-"questi diari in pubblico che sono i blog" ah sì è vero, e poi ci fu nel 2003-04 il momento in cui tutti definirono il blog il diario personale

Beh resta ovviamente inteso che la sparata de IlVeronese è subito vincitrice ex aequo: "...lei Beltrame non si rende conto..." e tutti a slacciarsi le cinte e mollare pertiche di 7 cm con sicura eiaculatio praecox

nico ha detto...

C'ho messo 3 gg per prepararmi psicologicamente ad affrontare la lettura di sto post infinito, ma quando è venerdì e al lavoro c'è aria di cazzeggio..

Solo: ma che per caso hanno delocalizzato la redazione de l'Arena nel Lazio, o il "direttore/ caporedattore qualsiasi/ donna delle pulizie" ha origini centro-terroniche?

Inoltre, un plauso per la plasticità del dialogo:
"Seto che a Verona ghe i blog?"
"Cioè?"
"Niente. Sa bevem?"

Anonimo ha detto...

Insomma si spara nel mucchio qua.
Beh divertente, divertente davvero soprattutto quelli che inventano i nomignoli per il povero Giangi che ha il coraggio ancora di cazzeggiare.
Alla prossima gran cavolata che ci fa ridere un pò!

Butel-M* ha detto...

Si si be sempre sparato nel mucchio.

Butel1 ha detto...

Butel M* - Anonimo : ASSOLUTAMENTE SEMPRE (e guarda come stiamo qua a vantarcene, fiu fiu fiu...)

Nico: già, è un post da venerdì ore 15.00 il telefono non squilla, siamo nella Casa Delle Libertà, facciamo un po' come cazzo ce pare.
Come detto sopra, mea culpa: andava preso l'articolo e sfottuto riga per riga, righe a tratti assurde.
No l'Arena sta ancora dove sta, forse so io che so'ppena tornato da le pparti tue.

Aspetta che pubblico un aggiornamento (che non potrà non essere un copia-incolla, per restare in tema) giusto per autogognarmi.

la terza donna ha detto...

"..cerca di fare se possibile al meglio informazione.."

?????????????????

butel emanuel ha detto...

Butei faccio pubblica ammenda: la mia reazione all’elaborato di G.B. è stata quella di una checca isterica. Contravvenendo così alla prima regola del butel: prender per il culo ma soprattutto prendersi per il culo.
Ma che ci volete fare? Ci sono quelli che alla mattina si svegliano e si credono “e papà del gnoco”, io lunedì mi sono svegliato credendomi il papà della veronasphere.
Blame on me!
Ma non ho reagito così perché “je rode che non s’è fatto il suo nome” come ha ventilato qualcuno ma proprio perché l’articolo avrei dovuto scriverlo io un anno fa. Anche perché chi lo dice che non sono stato citato nell’epitome sui blog di G.B.? Potrei essere io uno dei fantomatici butel< numero-random > o l’affabulatore avvincente e documentato coniglione.
Ma poi che cazzo sono sti blogghe? “gli ultimi bagliori di un assordante nulla” citazione protetta da copyright riservato al mio amico Samu dei Subsonica.Val la pena di perderci dietro tanto tempo? No, assolutamente è più produttiva andare a sprizzare.


X upstream: figghiu miu, papà ti ha deluso, lo so, ma mi farò perdonare! A santalucia ti regalerò l’aipod con precaricato tutto il nuovo disco di eros ramazzotti. I m’ha dito che sto aipod l’è na figada!

Butel-M* ha detto...

Perchè io non capisco mai un cazzo?

Butel1 ha detto...

Butel Emanuel: no problem, nulla di personale chiaramente.


Comunque, riprendendo un attimo il discorso blog-non blog, il problema sai dov'è?
Che chi ruota intorno a internet negli anni recenti, è convinto (ed è convinto di farne parte) che ci sia stata una rivoluzione qualitativa.
Macchè, la rivoluzione(?) semmai è quantitativa: prima il fenomeno di chi scriveva su internet era circostritto a pochi (un po' come nel rinascimento), ora a molti di più (un po' come nel pop), tutto qua.
Perché? Perchè ovviamente il digital divide non si è serrato ma è stato riassestato in scala: solo un mongoloide non sa aprirsi e curarsi un blog!

E allora pieno di neo-intellettuali del web (intellettuali del web? Aspetta che mi scompiscio un attimo! Forse più inutili della figura del critico televisivo - e vado un attimo a riscompisciarmi) a commentare quello che ritengono un fenomeno inedito e originale. Personalmente non capisco perchè altrettanta attenzione non è stata (non venne) riservata al fenomeno email (uhhh), al fenomeno chat (huhuhuhu), al fenomeno instant messaging (uhuhuhuhhhh), anzichè cirscoscrivere tutto lo sdegno al blog, che è solo la FINTA EPITOME di un movimento che vede coinvolto tanti pseudo idioti a comunicare con altri pseudo idioti nei linguaggi pseudo idioti.

Ovvero, esattamente ciò che succede tutti i giorni, nulla di più normale.
Ed eccoci qua.

Anonimo ha detto...

butel1 scrivi da schifo, non si capisce niente di quello che vuoi dire. Il problema è che hai un vuoto mentale da far paura e ti credi chissà chi. Ma io non vedo niente e nulla mi trasmetti. Prova a fare un discorso vero e vediamo se incanti qualcuno. Troppo comodo sbeffeggiare tutto e tutti senza idee. statti zitto che è meglio, và.!!!

Butel1 ha detto...

Anonimo: Sì, anch'io ti stimo.
Ora inspira, espira, inspira, espira. Calmati, è tutto finito, è tutto finito.

"Troppo comodo sbeffeggiare tutto e tutti senza idee" Hey, questa chi te l'ha scritta, il tuo ghostwriter è il legale di Fabrizio Corona?
Come ti è venuto in mente, sbeffeggiare tutto e tutti ma senza idee? Come, cristo santo come?
Anzi, attendi un attimo, il mio pensiero "corre lungo i fili della ragnatela elettronica globale" ed è come se... come se quella frase mi ricordasse qualcosa... oddio dev'essere così difficile ricordarsi dove è stata detta-scritta-declinata 'sta cosa... Ah sì, su Sentenziosi, pensa un po'!
"Non avere nulla da dire ma sentenziare su ogni cosa", ricordi?

Tra i tanti passati, sei uno degli anonimi mediomen più azzeccati, squisitamente adorabile. Rispetto.

Ad ogni modo mi dichiaro completamente reo, you're right man!
Per congedarmi vorrei passare in rassegna anche un tuo breve amarcord, mi pare superfluo rinnovare rispetto e stima nei tuoi confronti:
-"butel1 scrivi da schifo"
Cos'è, hai quattro anni? O hai saltato direttamente le elementari? Hey, hey, non dirmelo, ci sono: Aleardo Aleardi, eh?
-"non si capisce niente di quello che vuoi dire"
Forse perchè qui non cerchiamo di affermare, appunto?
-"Il problema è che hai un vuoto mentale da far paura e ti credi chissà chi"
Da far paura. E "vecchio!" dove l'hai lasciato? Inoltre, vuoi forse dire che ti ho spaventato? Altrimenti torniamo al punto 1, grazie. La seconda coordinata è azzeccata: mi credo chissà chi. Chi? Pensa, non lo so nemmeno io, isn't that funny?
-"Ma io non vedo niente e nulla mi trasmetti"
Non fa una piega: se non vedi, mi risulta difficile trasmetterti alcun che.
-"Prova a fare un discorso vero e vediamo se incanti qualcuno"
Tzè, non faccio discorsi seri da molti anni, inizio oggi secondo te?
-"Troppo comodo sbeffeggiare tutto e tutti senza idee"
Vd. sopra.
-"statti zitto che è meglio, và.!!!"
Ok ce l'hai fatta: "statti zitto" mi ha spezzato dal ridere. Facciamo dunque un patto: io sto zitto, laddove Tu impari e segui i precetti per un impiego decoroso delle punteggiatura e lingua italiane, ok? Di questo passo, nel 2012 avremo fatto progressi.

Anonimo ha detto...

"Delle punteggiatura e lingua italiane..."
Mi basta solo questo. Non commento altro, ti commenti da solo.
UNA PRECE

Butel1 ha detto...

Se vabbè. Sounds weirdo.
Tutto qua? Cos'è, hai quattro anni?

Attenzione allora, serve un disclaimer ad hoc: su questo sito si dicono parolacce e altre brutte cose buh buh, su questo sito gira pure il sottoscritto e i di lui co-redattori. Soprattutto capitano da queste bande certi anonimi con grado di autostima inferiore a quello di Owen Wilson un paio di settimane fa.

roby ha detto...

cmq sul fatto dei segaioli beltrame aveva ragione..

;-)

act ha detto...

esilarante

zentenz ha detto...

Roby: ASSOLUTAMENTE.

Anonimo ha detto...

maravillosamente, la pieza muy Гєtil
http://www.sexfg.com/

kerry