27 novembre 2007

Toni and Guy Party - Milano

Aggiornamento
Rettifica e precisazione
Aggiungiamo un paio di cose, va'.
In primis che qui l'ironia, la satira e soprattutto l'autoironia (il payoff del blog parla chiaro, "prendere per il culo ma soprattutto prendersi per il culo") la fanno da padroni. Sempre.
In seconda battuta la crew sentenziosa per accattivare i pochi lettori (19?) che la seguono - nonchè racattarne altri 2-3 all'anno - tende spesso a calcare la mano enfatizzando luoghi, persone e fatti. E questo lo hanno notato anche i criceti (è così, l'abbiamo sperimentato in laboratorio. Mi rivolgo allo staff Toni&Guy: spesso se si dice X o Y su un tale blog di satira e humour, non per forza è X o Y. Perchè? Perchè qui si tende evidentemente a porre mano al registro della fantasia. Succede poi talvolta che si calca la mano enfatizzando,
la satira e l'ironia spesso trascendono le intenzioni degli autori, e allora se qualcuno si offende si può chiedere scusa.
Ma non è questo il caso.


Milano vive! Party esclusivissimo per Sentenziosi dove Frut1 diventa ‘ntennesciunà (mica…) e incontra una tipa e il resto è già leggenda (=presa per il culo pachidermica!) nella Maison.

"La vita senza imprevisti, sarebbe come
scopare SEMPRE senza profilattico"

Frut1




Giovedì 22 novembre, tra una pioggiarellina battente e bastarda e quella foschia che contraddistingue la pianura padana dal resto del mondo nel periodo atunnvernale, Milano si risveglia dal torpore post-chiusura del salone della moda. Che vuoi fa’, questa città ha abitudini singolari. Milano vive, Milano vive e non può che promuovere nella stessa serata di giovedì 22 ben 6 incredibili eventi super-vacca-boia-dell’anno-vecchio. Fucking clubbing-animals al rapporto! Ah, non c’è nessuno? Vanno bene anche i ciabattari. Ah stanno a casa? Città di merda…Il Frut è solo. Amante degli aventi mondani e fichetti non poteva farsi sfuggire l’occasione. Memore di incredibili imprese passate (ah non ci sono?), tentare di presenziare a tutti quanti i gigs può essere un gioco duro e giochiamolo.

Protocollo multi-fashion events
Gli obiettivi sono: entrare, non pagare, sbonzarsi a spese altrui e fare molte foto alle fichette, consapevole che quel trabicolo ultratecnologico gli avrebbe dato adito di vantarsi come “un reporter che conta e sa il fatto suo” e che puntualmente esce perdente dalla gara “chi ha la nerchi… ehm l’obiettivo più lungo?”

Gli eventi che proponeva la milanodabere erano:
1) per il popolo indie-rocker: The Wombats al Rocket
2) per il popolo indie-nu-rave-electro alternativo: serata al Bitte con Crystel Castels [magari anche Crystal Castles se proprio vuoi...] and Crookers
3) per gli animali della club&disco: Dj Cassius all’Alcatraz
4) per gli amanti dell’electro-minimal: Shit Robot and Todd Terje al Plastic
5) per i futuri stilisti: Prima festa dell’anno accademico 07-08 dell’istituto di moda Marangoni
6) per quelli che vogliono fare parte della Milano che conta: Festa dei 10 anni di Toni&Guy Italia

Briefing preliminare
Ci sediamo al tavolo delle riunioni straordinarie che già presenta l’ampia documentazione. Siamo in tantissimi. Oltre a me, il mio super-ego. Entrambi isoliamo subito i primi difetti, il piano d’attacco presenta INSORMONTABILI lacune per un precario italiano medio: è il momento di “Frut1 ‘ntennesciunal sponsored by…”. Dopo un paio di telefonate cum leccata di culo e mazzette sotto banco sponsored by The Chief Executive of My Life (il padre, insomma), Frut1 ha la conoscenza. E la grana, voglio dire. Imminente presenzialista e ready to go. A proposito, Frut1? Una volta forse. Ora sono ‘ntennesciunàFrut e vado a pigliare un po’ per il culo quattro arricchiti del cazzo (che saluto con affetto, ciao vagazzi!)

Tappa1. ‘Zzi nostri
a) Velocizzare i preparativi di vestizione di Milanes1 da classica fica capricciosa che della moda sa tutto lei e bla bla. Ma va in cul, maledette pheeghe!
b) Recuperare gli inviti a casa di un amico. Recuperare anche l’amico medesimo. Ma prima gli inviti.
c) Causa tempo uggioso e gradi di umidità da fichette bagnate, bere almeno tre birre per riscaldare le proprie frattaglie.

Tappa2. Il momento delle decisioni irrrrrevocabili.
Bocciare l’abbinata birra-indierock al Rocket, abbandonando con sommo dispiacere il concerto degli astri nascenti della scena indie inglese: The Wombats appunto. Barbarella [ndSentenziosi: residente del Rocket], limoneremo la prossima volta. Get ready, baby! I’ll come back.

Tappa3. Andiamo qua va’
Capatina alla festa di Toni&Guy. Successivamente all’Alcatraz per poi concludere la serata al Plastic. O viceversa.
L’importante è ascoltare sia dj Cassius che Shit Robot. Comunque sento aria di facile flessibilità: forte di alcuni infiltrati in entrambe le serate avrei potuto modificare il masterplan in tempo reale.

Tappa4. VIB, very important butei
Super orgia in loft di lusso, tanta pheega e alcol a fiumi.

Continua a sognare, butty
La vita senza imprevisti, sarebbe come scopare SEMPRE senza profilattico. Frut1 tiene sempre pronto un piano di riserva perché quasi certamente sarà quest’ultimo ad essere seguito alla lettera, purtroppo. E’ un canovaccio che si ripete sistematicamente, nel quale vediamo rispettare le prime tappe stabilite con maestria ed impeccabile precisione, per poi d’un tratto ratatatan non si sa come far scattare il piano b.

The b-plan
Il piano b di questa è: only Toni&Guy, okay baby? Come andare a puttane con 100 € perché, insomma, sei un puttaniere alquanto stallone e ti vuoi far servire una prestazione di livello, ma per strada fai benzina, trovi il kebabbaro, l’elemosina ai semafori e soprattutto un secondo troione che alla fine, eh, arrivi lì con 30 e rotti euro e sì vabbè ti fa un pompino ma insomma non è la stessa (no no beh comunque va benissimo eh, non scherziamo). Ah, sono andato fuori dal seminato? Tu-tu-tu-tu-tuuuuuu.

Festa di Toni&Guy


toni&guy milano


(prometto che mi risparmierò la solita battutina che a Toni&Guy sono tutti gay)La butmobile sfreccia per la city agile, veloce e giunge in loco con estrema eleganza (danni da ipoteca sulla casa) alla festa di Toni&Guy in via Privata Scalarini 10 all’interno dell’ Area Kitchen, uno stabile molto ben allestito per l’occasione.



party di Toni e Guy a Milano



Party molto esclusivo e solo su inviti per festeggiare i dieci anni di Toni&Guy Italia insieme ad uno stuolo di amici che contano (nel senso che fanno i cassieri), lo staff dell’azienda Toni&Guy al completo, la Milano bene (persone che alla domanda “Tutto bene?” rispondono sempre “Bene grazie”) e scrocconi come il sottoscritto che alla notizia di open bar si sono sentiti in dovere di non mancare. Già, l’open bar. Un diritto e un dovere, sia mai che avanzino prosecco e birra, no perché c’è gente che muore di sete, non mi sembra il caso di sprecare tutti quegli ettolitri di alcol, ok? Se non ci penso io guarda…

How to disguise and access exclusive party
Varie teniche da protocollo per infilarsi a queste feste vip, qualcuna funziona sempre. Partiamo con la mia preferita: Frut1 si spaccia per reporter. E come sempre – ma cristo io non so, la gente è mica normale – sa che ci può riuscire, sicchè inizia il suo show preparatorio, una fregnaccia da eterno cazzone: qualche ammiccamento, qualche combo pacca&saluto a gente immaginaria e… niente la security non ci casca, troppo prevedibile e spaccone. Ok ritiro tutto, la gente è normale, è il Frut che...
Ci riprova, questa volta gioca la carta del giornalista (ovviamente con tesserino a casa, capita no?), inviato per scrivere un articolo sull’evento ed inventa qualche nome di liste inesistenti. Madornale errore Frut1, shame on you!, così facendo non ha altro che aumentato i sospetti dei pinguini alla porta che ora sanno con certezza che Frut1 è uno di quei furbetti che si vogliono infiltrare alle feste per fare bisboccia e tirarsela. F-1? Colpito ed affondato!
Infatti gli addetti stampa avevano già finito il loro lavoro dopo la conferenza delle 20, seguita da interviste e da un buffet con la creme della creme di Toni&Guy (nel senso di parrucchiere che applicano pure le creme, oltre allo shampo).

Sì, centrale? Qui Frut1, abbiamo un fottuto problema, mandate dei fottuti rinforzi”Frut1 è una mezza sega e ha toppato alla grande. Arriva L’Amico con l’invito. Contestualmente il Fruttone si gira e vis-a-vis fissa il buttafuori con l’aria da “Lei non sa chi sono io…” e “Ora vediamo chi resta fuori e… “. E, e, e. Tanti e rimasti lì in sospeso perché il buttafuori no, non sa né saprà mai chi sono io laddove invece sa benissimo chi resta fuori al momento (sempre io): L’Amico avevo ceduto L’Invito al Fratello (mio nuovo arcinemico 2007).

Centrale? Ancora Frut1, avevo detto rinforzi, non checche incompetenti! Muoversi muoversi
Milanes1 nel frattanto ha finito di prepararsi. Solo 2 ore questa volta, hey bambola sto notando progressi. La prossima volta puoi passare a… 1 ora e 58 magari.


Frut1: ”Come siamo coi pass?
Milanes1: ”Ahah
Frut1: “Mh
Alla porta si presenta un butel che abbraccia, bacia, palpa e poi saluta Milanes1, quindi fa un lieve accenno (il dito medio) alla security e Frut1 è inside.

Dentro. Resetto il cervello. Passiamo alle domande:

a) chi cazzo sono Toni&Guy? I giardinieri di Dolce&Gabbana?
b) ho fatto due metri ed ho già visto 20 pheeghe, tra cui una thai da coltelli. Eviratemi subito e avrete salva vita, forse.
c) most important: dov’è il bar?

Un valido dj-set anima la serata, ma molto di più lo fa il bar che con la formula TuttoGradddisssAmisciVeniteL’Arrrotino, viene preso d’assalto da una folla assetata che si ammassa davanti ad un infinito bancone che sciabola bottiglie di spumante alla faccia di quelli che non si possono permettere neanche l’acqua.
C’è chi parla, chi balla e chi si sbronza all’interno dello stabile mentre chi vuole prendere un po’ d’aria e bersi lo spumante fumandosi la “siga” lo può fare in una zona adiacente esterna (ma coperta) dove la musica è decisamente meno pressante e parassitaria.

Io di Tony&Guy me ne Frego&Fotto, ok

Frut1 entrato nel mondo dei balocchi inizia ad atteggiarsi da quell’invitato che è lì per lavoro intervistando e fotografando chiunque. Dopo una mezz’ora incontra anche V. una stylist di Toni&Guy, una giovane fanciulla di periferia che giunta nella metropoli lumbarda ha iniziato a lavorare con lo staff di questi due fratelli a me sconosciuti fino a quella sera. Con molta confidenza, pure troppa, inizia a spiegarmi chi sono Toni&Guy e che ruolo ha lei nella piramide aziendale della compagnia. Incredula che Frut1 non sappia nulla circa la premiata T&G mi chiede che ci faccio lì ed allora the show must go on, altra mega serie di cazzate in uscita dalla bocca di frut1 che vergognandosi di se stesso si meraviglia pure che V. creda a tutto quello che le viene raccontato. Ma tutto tutto. “Sai una volta abitavo sulla luna e… “ “Ma dai? E’ meraviglioso Frut1, devi essere molto fortunato” “Mh, tu invece devi essere molto……… in gamba”.

Vengo a scoprire che i fratelli Toni and Guy sono dei parrucchieri, Toni vive a Londra mentre Guy che è presente alla festa, è in Italia, entrambi hanno creato una nuova filosofia di taglio di capelli (hairstyling) che li ha resi famosi ed ora si danno alla cosmesi e al mondo della moda.
Mentre V., che completamente ubriaca tenta di mettermi la lingua in bocca [voce della coscienza: seeee! Ti sarebbe piaciuto eh?], mi spiega con parole sue il ruolo che ha nell’azienda. Beh, Frut1 non ha capito un cazzo, okay? Biaschica, ripete sempre le stesse parole gesticolando un po’ troppo, la sua bocca è ad un centimetro da quella del fruttone [ma smettila!] e per finire il dj ha messo un super pezzo che pompa alla grande, quindi cosa credete abbia capito/creduto/fatto Frut1?
Suspence…
...
...
un cazzo ovviamente. Ma zioskan! Anche perchè, in verità, V. non mi si fila mezzo secondo...

Ad ogni modo, ora Frut1 sa e si sente un invitato doc, un caro amico di Toni and Guy, uno che li stima, li apprezza ed ogni tanto cambia il suo look con un bel taglio di capelli in uno dei loro centri facendo un affare hairstyling da 150 euro. Cioè, soldi spesi bene.

Il party è convincente, la location semplice molto minimal e poco lounge, la ggente di età compresa tra i 20 e 40 anni beve, balla e si diverte a ritmo di un sound che va dall’electro tanto di moda ora fino ai dischi messi in consolle da Dorian, l’amato dj del Plastic nelle serate London Loves.

toni & guy Milano
Durante i numerosi giri nel salone, Frut1 fa molti incontri interessanti e immortala con la macchinetta modelli, supermodelli, tope, supertope e qualche fattone di turno, persone che, pensando di avere a che fare con un reporter di qualche rivista di moda, non fanno storie ad essere fotografati e anzi chiedono loro di essere fotografati atteggiandosi e mettendosi in posa. Roba da scompisciarsi ragazzi.

milano toni and guy festa di toni e guy


Sciao rragazzi, so’ amigo de tuddi quaddentro
All’improvviso Frut1 si scontra con un giovane che tiene tra le sue mani una fotocamera digitale e guardando il Frut si avvicina e dopo due pacche sulla spalla gli sorride dicendo:”ciao amico, buon lavoro”. Voce fuori campo:”Allora è vero, sembro proprio un vero fotoreporter!”. Non l’avesse mai pensato perchè il nostro Frut1, dopo questo incontro, pompa il suo ego ai massimi livelli e grazie anche a 5 birre nello stomaco, la timidezza ed il timore di essere invadente svaniscono, tanto che avvicinandosi al top model Michael Kenta, lo chiama, lo saluta e con arroganza: ”Michael fammi una Blue Steel”, il supermodello guarda Frut1, sorride e si mette in una posa degna di Derek Zoolander, respect!

festa di Toni e Guy a Milano



La serata è ottima e coinvolgente ma verso l’1.20 Frut1 abbandona l’Area Kitchen verso altre avventure.

15 commenti:

sirenetta ha detto...

peccato per la fighetta nella (se non sbaglio) seconda foto, con la louis vuitton F I N T I S S I M A! e cmq la festa del marangoni non era niente di che!

Frut di Udin ha detto...

sirenetta:Ebbene si,la festa del marangoni è stata per Frut1 una noia incredibile:
a)musica pessima
b)troppa gente e troppi infiltarti tamarri
c)location pessima.Ricordo che l'Amnesia è la disco tra le più tamarre di Milano
d)le orientali arroganti...non se ne può più.
e)mi sentivo vecchio.

Purtroppo sarei dovuto andare al Bitte ma...
...altre sorie,altri post.

pasto ha detto...

ahah figata sto post troppo divertente!

Butel-M* ha detto...

Cazzo Cassius all'Altrocazz.

Butel-M* ha detto...

Ma soprattutto la domanda è: secondo voi il titolare della Porsche targata xx xxx xx della terza foto si è giocato una doppia con stangona&moretta?
Ma soprattutto ancora, amico Frut, perchè fingersi un reporter e non il titolare della Porsche,anzi di di una Porsche ancora più grande, che dico una Porsche un Shuttle, un Sottomarino (voglio di +!)?

uonabì ha detto...

prolifica milano in questa fine autunno!!! ci vediamo domani sera butei...

Frut1 ha detto...

Butel-M*: che vuoi che ti dica, alla fine non serve che io finga di essere il titolare di una Porsche perchè:
a)ho un Cayenne turbo
b)una barca a vela a Porto Cervo
c)una decina di case sparse per l'Italia ed Europa
d)una futura azienda da gestire
quindi con chi credi che sia andato via il Fruttone dopo l'1.20...??
Ma queste so cose private,non si possono dì e neppure raccontà,dottò.

Uonabì:anche no,domani sarà in piscina e poi a fare la mia sauna settimanale

upstream ha detto...

Ottimo post frut, tra l'altro abbiamo rischiato di incrociarci.

carramba time:

Dalla regia mi segnalano che la ragazza nella penultima foto alla sinistra del fattanza era compagna di corso del valery.

rosikare humanum est

Butel-M* ha detto...

Quante ne sa il valery?

sirenetta ha detto...

le orientali arroganti alla festa del marangono : insopportabilii!!! (oltre ai tamarri in canotta bianca e anfibi si intende)


e i cubiti tutti biancovestiti?

Frut1 ha detto...

sirenetta:per cubiti intendi quegli energumeni lampadati a torso nudo che duri come dei pali mostravano bicipiti e pettorali nelle vicinanze della consolle?

Beh quando tra le luci stroboscopiche ho intravisto questi personaggi tra me e Frut1 ho pensato:"ma 'n do cazzo son finito?"
Purtroppo per fare un piacere ad un'amica sono finito alla festa della sua scuola,ma la prossima volta non mi farò coinvolgere!

Frut1 ha detto...

amico Up:la prossima volta ti avvertirò in tempo del mio arrivo in Milana così per una volta ci immergeremo insieme in una serata folle fatta di pheeghe,alcol e droghe sintetiche.
Preparati dottò,le serata di Frut1 sono imprevedibili e finiscono spesso con qualche dito nel culo...ocio vecchio,guardasi sempre le spalle.

sirenetta ha detto...

frut1: si esatto, quelli con pantalone bianco e stivale da pioggia bianco, non che il/la vocalist fosse meglio comunque. anche io ci sono finuta per accompagnare un mio amico...mai più...MAI!

wonder ha detto...

sirenetta: respect!
-rif. al tuo 1° commento-

Anonimo ha detto...

falsi gay, falsi fashion, falsi ricchi, falsi fatti, falsi commenti, false identità, falsi toni, falsi commenti, falsi falsi... ma non avete un caxxo da fare nella vostra vita???