09 aprile 2007

Rialto Santambrogio - Roma

Rialto Santambrogio a Roma

in via Sant'Ambrogio 4, nelle immediate vicinanze di Largo Argentina e piazza Mattei
www.rialtosantambrogio.org

Talvolta i Butei si fanno "il viaggetto vecchio". In Italia, all'estero, dove ci portano i sche... ehm il vento. A Roma, magari. Logico che se non hai "gli agganci sul posto, vecchio", certe cose mica le trovi easy. Ecco, noi al Rialto Santambrogio a Roma non c'eravamo ancora stati.

Nico
, sì.

Sono entusiasta, anche perchè vengo da un periodo di reclusione da studio, clima avverso e umore conseguentemente nero. Io pensavo di trovare il solito centro sociale alla AngeloMai (che ha chiuso perchè gli abitanti di rione monti hanno rotto il cazzo e il comune ha deciso di far colare del cemento sulla chiesa e farne una palestra) e invece... posto stilosissimo, spazioso, semplice, lineare, situato in un edificio a trastevere, in una via secondaria, sostanzialmente dietro la sinagoga.

Entrando (5 euro) - dopo un po' di coda crescente proporzionalmente all'ora di arrivo - si sale al primo piano che si snoda attorno ad un giardino interno (a ripensarci ricorda molto la struttura della casa di The Dreamers, per intenderci), praticamente non arredato, muri bianchi e luce chiara, varie salette e corridoi in cui chiacchierare fumare cazzeggiare senza dover urlare per comunicare, sala bar iperaffollata, sala disco principale ovviamente non illuminata se non per luce intermittente di riquadri di immagini psichedeliche proiettati su due delle pareti. La musica mi è parsa carina, per quanto io non sia esattamente una discotecara doc. Ma il bello è il target: direi che l'età media si aggirava sui 28, data la presenza di svariati grappoli di pheege 20-25, numerosissimi butei over 25 - nutrita la schiera dei gay, merde! (leggasi alla francese! n.d.r.) -, ma anche più d'un/una over 30, forse anche over 40 che però non è corretto efinire "tardoni" in quanto nella maggior parte dei casi perfettamente inseriti, anzi davano un tocco mondano alla configurazione dell'humanitas in loco. E poi, forse grazie al contributio della schiera omosessuale, sempre molto fashion, davvero c'era una bell'aria casual, vagamente bohemienne, zero punkabbestia o strafattoni, e nemmeno i soliti "alternativi doublefive". Insomma una serata in cui il senso estetico esce appagato... voglio dire non è poco!

Ora non so se ai frequentatori di piazza erbe e del blog possa interessare un locale romano, ma mi sembrava doveroso comunicarvi questa mia personale scoperta (dell'acqua calda), qualora passiate di qua ve lo consiglio, ecco.

Nico


From Roma, ma sempre una di noi. Forse. Ad ogni modo, thanks baby per la dritta. Chi vi passi, vi faccia un salto insomma. Intanto ho scovato alcune foto, poco in verità sulla location di per sè, qualcosa riguardo agli artisti che vi si sono esibiti. Voilà.

rialto santambrogio a roma rialto santambrogio roma rialto santambrogio

So cosa vi state chiedendo, ma le cose a quanto pare stanno così.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

riccordo di esserci andato a vedere i BEE HIVE
http://www.beehive.it/index.htm

Butel 2 ha detto...

Si si certo io invece ricordo quella volta che io e butel1, su una vespetta del 64, in un di soleggiato di maggio, andavamo scorazzando amabilmente per le vie della capitale. Poi arrivo cary grant, con un'amichetta assai spocchiosa, non ricordo il suo nome, so che mi irritò moltissimo allora salutammo cary con delle sonore pacche sulle spalle e andammo tutti in piazza. Per uno spritz. Così.

Butel1 ha detto...

Anonimo: hey ma è uno dei siti più kitsch di sempre!

Butel2: beh lei dimentica il trotto intorno ar colosseo, a piazza a trastè, a passeggiata sopra er ponte de li annamorati, dove amo pure messo er lucchetto sciocchino, li panzerotti a le quatro de matina, er caffè nel plateatico e tutto il cucuzzaro da dolce vita (che era pure inventata).