26 luglio 2007

Tennis Club Torricelle Verona

Tennis Club Torricelle: che feste, che serate, che bella gente, che musica...

Fateci caso: a Verona non succede mai un cazzo, d'accordo. Eppure, anche la nightlife scaligera è scandita a ritmi stagionali da alcuni tormentoni. Si vedano gli evergreen annuali che puntualmente ritornano tra luglio-agosto (Sagra della Vigna, Festa Comparse, Festa Audaci Visionari, Festa alla Cavalla, ecc.) ma, soprattutto, tralasciando gli "eventoni", il vero tormentone è la caccia al locale di tendenza per l'estate, IL locale di Verona giugno-settembre 2007, quel locale nel quale tutti almeno una volta a settimana devono presenziare. In caso contrario, peste ti colga e non ti salutano più. Insomma, conoscete la storia meglio di me: il locale del "ci vediamo lì?" o del "Facciamo un salto lì per vedere chi c'è?" o del "C'è già pieno al...?" o meglio del "C'è figa al...?" e così via. Clichè, deja vu.

Gentlemen, start your engines!
Quest'anno Sentenziosi era scettica, in senso filosofico: avevamo sospeso il giudizio, non ci pareva possibile il manifestarsi di un leader di settore. Col Mako chiuso, il "rimpiazzo" Porta Nuova è troppo Porta Nuova e poco Piazza, la Piazza stessa sta conoscendo un periodo di fiacca per un inaspettato rinverdirsi del Lago (nuuuooooooooo il Lago nooo), il Malta in mano ai teenagers, il pheeghificio Lui e Lei abbandonato al proprio destino, Sottoriva ormai un ricordo sbiadito di se stessa... les jeux sont faits, ci siamo detti, e vitelloniamo al solito Anselmi con sporadici salti in Carega.

Locale di moda dev'essere e locale di moda sarà
Ma è una cosa che trascende ogni scetticismo. Ecco prontamente arrivare la mail del buon Alberto Fezzi (un paradossale vecchio avanguardista) che ci avvisa circa il Tennis Club sulle Torricelle di Verona. Qui le sue parole anticipatorie:

Il posto è veramente molto bello, la gente, come al solito, un po' meno, quindi credo che ci sia materiale per una vostra incursione. Un breve riassunto: aperitivo del mercoledì: vitelloni che vengono dal lavoro, o vitelloni che non lavorano e passano la vita facendo aperitivi. Aperitivo del giovedì: gente più giovane, tipo frequentatori Alter Ego/le Disque, feste Impero del Sole, e altre immutabili amenità (assurdità?) veronesi. Aperitivo del venerdì: adolescenti. Feste del sabato: un misto di quanto sopra, di solito abbastanza interessanti. Mi sembrava doveroso riferire.

Ringraziamo Fezzi e per Diana se era doveroso! Ne va della nostra fama di trashsett... ehm nightlife trendsetters (??? adoro i composti anglosassoni, vogliono dire tutto e un cazzo al contempo).

Tennis Club Torricelle
Che di giorno è propriamente un tennis club immerso nel verde con proprio bar e propria "terrazza con vista su Verona" (il bar ha un annesso parco) ma di notte diventa vittima del tentativo di riconversione industriale da sport club ad alcol club e, che, a titolo informativo per i più nostalgici, si trova sulla strada per andare all'Alter Ego. Sì, rivivrete l'ebrezza di "Andare su!", ma vi fermerete dopo pochi metri all'ultima svolta. Nel vero senso: il parcheggio nei giorni clou (mercoledì-giovedì) è off limits. Ho visto coglioni parcheggiare a valle e salire a piedi. Non sto scherzando.

Sentenziosi al Tennis Club Torricelle

Diciamo subito che il venerdì e il sabato sono giorni decisamente disertati, rispetto all'afflusso magnum del mercoledì (confermata la presenza TOTALE di vitelloni, o tardoni/e, peraltro senza troppo gusto, anzi senza gusto e basta) e soprattutto rispetto al bagno di folla del giovedì, forse la serata "migliore", età media 24-25, con molta eterogeneità dai 18 ai 30 e diversi gran pezzi di figa, che non guastano.

How to
Arrivi di mercoledì o giovedì durante 'ste serata ribatezzate "Lo smash!", trovi la calca, dai una prima occhiata alla location scopri che è tutto in pendenza (e due ore dopo sentirai le caviglie giocare a flipper con le ginocchia), quindi volgi lo sguardo verso il panorama di cui tutti ti hanno parlato e scopri che quelle luci, quella torre, quei palazzoni piuttosto magniloquenti (per una città dove un palazzo è mediamente alto tre piani) non è un panorama. No, quella che stai ammirando dalla "nuova terrazza di Verona" non è una vista, bensì un pannello, una stampa che riproduce la città by night. Come ebbe modo di dirmi un amico, "Benvenuti al Jay Leno Tonight Show!":


tennis club torricelle verona
"Ok Butei questa alle mie spalle è New Venice Borg e se
state ammirando questo panorama, vuol dire che vi state
"sballando" al Tennis Club, vitellons che non siete altro"


Poi c'è un bar (vero protagonista delle serate, se non altro per la doppia fila in cassa e al bancone, con prezzi medi) e talvolta un secondo bar costruito su di un piano rialzato. La gente è tanta ma questo l'abbiamo già detto quindi... fine.
Ok, oggettivamente il posto è niente male, naif, "rustico", sento già "Spiagge" di Fiorello rimbobare da dietro, aria fresca che non guasta e cielo stellato sempre ottimi per raccontare quattro stronzate a qualche figa. Sempre che ne abbiate una di scorta dietro perchè scordatevi di conoscerla qui, tabu (comunque per esserci, come detto, ce n'è e cum abundantia se siete fortunati). Personalmente per rimediare un numero di cellulare per una ipotetica (ma ancora lontanissima) scopata ho dovuto dichiarare di essere un VIB (Very Important Butel).
Però, pensandoci un attimo, forse il posto è "leggermente" dispersivo, eh, che dite? Eh? Appena appena? Ricordiamoci che a Verona la gggente è scema (oltre ad essere stufa come in tutta Italia) e va invitata a socializzare, coercitivamente: propongo dei recinti per le vacche (con tutto il rispetto per gli omonimi animali).

Inevitabilmente due paroline sugli avventori
Eh... che volete, prendete metà Piazza Erbe e sbattetecela lì. Proprio li, intorno al bar. Così, senza senso. Eppure il risultato sarà Tennis Club Torricelle: ci sono TUTTE le solite facce da Verona, i visti, rivisti, stravisti. A Verona forse la sera escono sempre i soliti, è un lavoro, gli altri in casa a cucinare, lavare, pulire. E' tutto un salutarsi e ciao vecchio e ciao grande e come te la passi, quindi dopo cinque secondi ognuno dritto per la sua strada e chi s'è visto s'è visto. Davvero nulla di nuovo. Molte fighette e molti fighetti direttamente dall'Università, i poseurs del Bloom senza sostanza, gli immortali piazzaioli dell'Osteria, i guardoni dell'Anselmi, la pheega "sclerata cioè vecchio", i paesanotti, quelli col BMW in leasing e un drink in mano dalle 22 all 02, il proto-intellettuale annoiato, l'industriale che "cioè domani devo mandare avanti l'azienda cioè", ecc. [attenzione, tutto è basato su reali indagini sul campo con interviste by Sentenziosi] Insomma, l'essere è molteplice, diceva Aristotele. Qua, qualcosa non ha funzionato.

"Hai qualche problema vecchio?"
Ma non è questo il problema del Tennis Club Torricelle: in questo posto in pendenza, non succede MAI un cazzo. Meno di un cazzo. Uno stracazzo. Tutti in piedi. Stop. Vietato parlarsi salvo conoscersi. Vietato salutarsi, anche se ci si è già conosciuti. E stan tutti lì, stipati nei pressi del bar, a menarsela su quanto stanno bene con se stessi loro davvero veramente se stessi e su quanto sia meravigliosa la vita, degna di essere vissuta con un drink in mano per un paio d'ore e filtrata su di un prato con panorama su Borgo Venezia. Wow. Ovvero: il nulla, l'anti-sostanza. Quando la gente dice: "Andiamo a vedere chi c'è su", dice la verità. Va su, vede chi c'è, fine.

E quel poco che succede, è sbagliato
Capitolo musica-animazione.
No. No. No. No. No. No.
C'è così stata la geniale idea di chiamare un tale dj da un altro pianeta e ora stordito per il fuso. Che non vi dico cosa passa questo: ed è subito "Figli delle stelle, la la la...", segue "Marrraggaibbo, mare forza nove... la la la..." e ti è andata bene che ti sei perso la summa della strunzata dal sabor latino cubano, ovviamente dai peggiori bar di Caracas. Sul tema della selezione latina che dura un bel po', non auguro a nessuno di aver visto lo spot della compilation "Laaatino!" di Media Shopping sulle emittenti Mediaset, perchè siamo lì: esattamente dentro quello spot. Aiutateli, aiutiamoli, aiutiamoci. Ad un certo punto il cretino dei dischi decide che è il momento di spaccare i timpani e di far muovere tutti 'sti zombi (a che pro poi? Il buttafuori ha fisicamente impedito ai primi "bailandi" di perseguire ulteriori movimenti - non ci è dato di sapere il motivo). E' a questo punto punto che qualcosa non vi tornerà: quindici anni fa era "I got the power", oggi è irrimediabilmente e sempre più "Put your hands up in the air - everybody - move your body", tutto molto discosbobba by Pineta. Nulla è cambiato, quindici anni di evoluzione musicale cancellati così, in un giro di consolle. E dopo venti minuti che stai lì, inizi ad essere indisposto. Molto indisposto.
Ovviamente NESSUNO è musicalmente coinvolto, è impossibile. Se lo fa, vi autorizzo a mollargli un ceffone: si riprenderà e vi ringrazierà, sarete i suoi nuovi eroi.

Il trash è solo accennato
Tenetevi l'indisposizione, è oro in confronto a quello che ho sin qui volutamente scordato di indicarvi:
1) il giovedì è organizzato in partnership con l'Impero Del Coglio... ehm del Sole e altri brand che c'entrano come gli asparagi sulla cioccolata.
2) (peggio e conseguenza del punto uno) c'è un vocalist. Anzi, due vocalist. Lui, oltre ad essere un pezzo di cretino, è lo stereotipo discotecaro dalla gola profonda e distorta che "ciiioè parlo come neeeelle raaaadio perchè fa muuoolto fiiigo!". Lei non si capisce da dove sia uscita, sicuramente ha perso qualche rotella nel corso della vita; o ha fatto a pugni con la vita e basta. Non ho capito se lui sia il dj di cui sopra. Sicuramente, è grazie a loro che chiederete di fermare il tutto e di farvi scendere.
Per farvela breve: un pregnante e fastidiosissimo unicum sonoro a tema motivazional-spottaro (auto)celebrativo per ritardati, senza alcuna soluzione di continuità. Vere trash-chicche quali, ad esempio:
"Grrrandi ragazzi la notte più fashion del 2007 è solo quiii!" (vabbè questa ci può ancora stare, è d'ordinanza a questo punto del corso storico)
"Un applauso per la mia collega che è sempre più fuori ed è ancora prestissimooo!" (nel senso che quella può fare peggio di così?)
"Impero del sole Impero del solee!" (questo sarà l'intercalare costante)
"Venite qui a provare la novità del 2007: le cannucce dentro la caraffaaaa!" (nooon gi poooosso greeeedere, ma cosa sono le cannucce?)
"La notte più bella dell'anno ragazziii"
E intanto cerchi di parlare con qualcuno (per grazia di Dio peraltro) ma non si sente un cazzo perchè e il volume della musica è alto e le tue orecchie si rifiutano di prestare ascolto che non si sa mai di udire anche la coppia terribilis ai microfoni. Questo è troppo. Fermateli. A questo duo la vista va fatta vedere più da vicino, qualcuno li faccia rotolare in Borgo Venezia a calci, prima ce ne sbarazziamo, meglio è. Siamo tornati agli anni '80. Ok, dov'è Jerry Cala'? No non fate così, lo so che lo nascondete da qualche parte dai.
No ripeto: il duo di vocalist del menga no!
No. No. No. No. No. No. No. No. No.

Conclusione
Sfido a resistere due ore al Tennis Club Torricelle di Verona di giovedì. E, a quanto pare, c'è diversa, diversissima gente che vi riesce. Prendiamo atto.
Addio, mondo crudele.

23 commenti:

duchamp ha detto...

apperò ! brividi lungo la schiena...
Il tennis club torricelle, quanti ricordi.
Era il luogo sacro e quasi inviolabile, il buen retiro dei calciatori anni '70. Zigo_gol, sirena, busatta, mascalaito, luppi, mascetti...ahhh bei tempi andati.
Mi ricordo che arrivava Zigoni dopo il non allenamento al veronello, su decapottabile pagoda mercedes bianca, indossava cappello texano a larghe tese d'ordinanza, con pheghe straosferiche al seguito e a noi ragazzini dell'epoca, non rimaneva altro che sognare come bambini che schiacciavano il naso contro le vetrine dei giocattoli (adesso chi lo fa più?)
...oddio sognare...si aveva pur un tredici/quattordici anni, la patta tirava a mille e a casa, giù di seghe con i pensieri più impudici e sporcaccioni sulle belle signorine. Zigo_Gol metteva in pratica e noi sognavamo.

Era l'estate del '75 su al Tennis club Torricelle, per Dio...

duchamp

Daniel Fonseca ha detto...

"qualcuno li faccia rotolare in Borgo Venezia a calci"

Geniale!!

Dr.McCoy ha detto...

Si, ok, tutto lecito ciò che è stato scritto, ma non ho capito se alla fine vale la pena di farci un salto o meno al giovedì.
Al di là che siamo a Verona, quindi:
- il fatto di vedere bella pheega senza aver la minima possibilità non solo di copulare, ma neanche di scambiare 4 chiacchiere.;
- Di vedere le solite facce di Piazza Erbe;
- Di conoscere tutti ma non essere amico di nessuno;
E' UNA COSTANTE.

Butel Info ha detto...

Vvero caro Butel1..le "feste" al Tennis fanno cacare, per parcheggiare ti devi imbattere in un buzzurro analfabeta che ti chiede 2 euro, alla cassa te ne inculano subito 15 senza farti fiatare, i drink costano 6 euro (mi pare)..alla fine di questa serata di merda dove tutti si salutano e si "paccheggiano" felici coi loro soliti sorrisi a 32 denti te ne toni a casa con una trentina di euro in meno e con le scarpe bianche da tennis lorde di erba e terra. Ah, dimenticavo la scoliosi aggravata a causa della pendenza costante del prato. Una volta e poi mai più. Addio.

h3nry ha detto...

butei io vi amo quando accendete la macchina spala merda!!
mi chiedo dove riuscite a trovar eil coraggio di andare in questi posti che io evito sempre a priori..
butei avete piu' coraggio di Steve Irwin!!!!
sono cose che ho smepre pensato... la frase migliore anzi direi geniale e':

Quando la gente dice: "Andiamo a vedere chi c'è su", dice la verità. Va su, vede chi c'è, fine.

IDOLI voi buteiz of the hood e la macchina spalatrice!

butel2 ha detto...

Il problema non è se andare o meno il giovedì. Il problema è che l'alternativa è inesistente eccezion fatta per la roulette russa con degli amici vietnamiti.

Butel2 ha detto...

P.s. Non pensate che sia la solita recensione sentenziosi style. O meglio lo humor c'è sempre tuttavia il fenomeno è descritto in maniera esemplare e realistica. Ovvero è così che vanno le cose al tennis.
In pratica; non si conosce- non si balla- non si scopa.
Adieu.

Butel Info ha detto...

Pensate che quando ci andai, ballai!! (my desperation made me do it, indeed). Di scopare ovviamente, non se ne parlò proprio..ma tira a campà, sarà per il Mascara.

Yoshi ha detto...

"un prato con panorama su Borgo Venezia"

è la frase più triste della giornata, mamma mia :)

Butel1 ha detto...

Duchamp: o mon dieu, quello era il ritrovo del zigo_gol e il mondo scaligero made in Hellas? La tua è una confessione che si fa beffe della malasorte. Ora so che non siamo (stati) soli. Grazie.

Daniel Fonseca: veramente geniale sarebbe farlo davvero. 92 minuti di applausi.

DrMcCoy: sì come detto circa a metà post, "Nulla di nuovo veramente". Comunque prendo per buona la risposta di B2 poco sotto la tua.

ButelInfo: non mi far pensare ai cretini che bloccano o concedono l'accesso al parcheggio tirando a sorte e parlando linguaggi liminali al nostro (puntualmente della FOPE, ti pareva: l'oggetto sociale nello statuto FOPE è "Servizi di e per cretini")

Henry: questa della macchina spalatrice è una metafora che spacca. Ad ogni modo quella frase è vera, verissima.

Butel2: beh ma magari io quella li me la scopo e allora magari cioè... magari...
Adieu

Yoshi: è triste e basta appunto, ma quella tristezza che tende alla desolazione, alla depressione, non alla melanconia: non c'è nulla di poetico, c'è solo da farsi molte domande o, se le preoccupazioni cerebrali non sono il tuo forte, da spararsi.

VR075664 ha detto...

ragazzi siete simpaticissimi!e complimenti per la realistica descrizione del giovedì sera veronese. ma perchè nessun accenno a chi gioca a pallavolo nel campo poco distante dal bar? e che assetato, unto e sudato si avvicina al bancone per prendersi un Gatorade con lo sconcerto di molti?una parola dovete sprecarla..

Butel1 ha detto...

VR075664: Vada il tennis, ma vuoi dire che c'è gente che ci gioca davvero, su quei campi da beach volley con i vitelloni a due metri?

Butel1 ha detto...

ps. e da quando ci leggono le matricole dell'UniVR?

vr075664 ha detto...

ragazzi ormai siete VOI il tormentone dell'estate!

Butel1 ha detto...

VR07...: sciocchino, non dire così, il nostro ego è già ipertrofico dal primo commento di ottobre '06 e ad aprile ha rischiato di esplodere.

Anonimo ha detto...

mi fate morire!! fantastici! semplicemente fantastici. E io che non sono mai andata al tennis club e mi ero promessa di andare a fare un giro...che dite, dopo aver letto voi, rinuncio? :) Claudia

Butel1 ha detto...

Claudia: la verità è, come detto poco sopra, che mercoledì o giovedì non hai molte alternative. Nel bene (no) o nel male (sì sì), al Tennis ci vai prima o poi; e prima o poi ci torni pure, salvo la tua passione sia trascorrere il mercoledì-giovedì sui gradoni della fontana in Piazza Erbe, dove magari rischi pure di farti dare una molta dalle "sanguinarie" truppe della municipale.

Una volta i dubbi amletici, ora solo scelte del cazzo.

Hellas ha detto...

Sì ok fa sorridere il post e a parte che non ci sono mai stato allo smash mi irrita a volte vedere che "non va mai bene niente". C'e' un locale nuovo carino ecc ecc e NO non va bene perchè la gente è sempre la stessa, la musica non è bella, ci sono i fighetti...
Ma cosa volete che si sia in un posto?? Se c'e' un posto bello è ovvio che ci siano anche i fighetti con la maghina! Ma bisogna per forza stare ad ascoltarli che parlano della loro aziendina? Non siamo capaci di divertirci senza ascoltarli?
Ci lamentiamo della troppa gente poi?! Se non c'e' nessuno ci lamentiamo perchè non c'e' nessuno?

A me pare che i veri fighetti sono quelli che si lamentano sempre che non c'e' niente da fare a Verona (aspettandosi chissacosa!) però stanno tutte le sere anche loro in Piazza Erbe a guardare quelli che si divertono (anche se con poco) pensando che sono loro quelli sfigati...

vr075664 ha detto...

Hellas.. l'ennesimo colllione che non ha capito lo spirito di Sentenziosi. Possiate perdonare Sentenziosi

Butel1 ha detto...

Hellas: "Sì ok fa sorridere il post e a parte che non ci sono mai stato allo smash mi irrita a volte vedere che "non va mai bene niente".
Avrei terminato il mio intervento a questo punto. Sarai nuovo tra i commenti, ma è come se ti stessi leggendo da mesi.

Ad ogni modo tu stesso noti la spaventevole mediocrità della nostra scaligera urbe: "A me pare che i veri fighetti sono quelli che si lamentano sempre che non c'e' niente da fare a Verona (aspettandosi chissacosa!)"
Sì zioskan: nulla ci si aspetti, se nulla si vuole fare, dire, criticare. Noi si sceglie l'ultima via, da par nostro.

Vr075664: perdonassimo, pedddonassimo.

Eleonora ha detto...

ziao ragazzi.sono Eleonora...in tanti mi hanno parlato del vostro blog e la cosa che più mi fa ridere è che proprio la gente che criticate voi vi legge sempre e ride...come se si parlasse di qualcun'altro e non di noi(mi ci metto anch'io anche se non sono di certo una fighetta).le cose che scrivete sono vere anche se esagerate, ma proprio per questo divertenti...ma una domanda mi viene spontanea...voi avete trovato un posto dove no incontrate nessuno, dove c'è davvero gente che non è venuta per guardare l'altra gente o dove non ci sono morti di f... o ragazze in calore appena vedono un muscolo abbronzato?!bene se esiste questo posto fatemelo sapere!!!

Anonimo ha detto...

ciao gente. sono capitata qui solo perchè cercavo info sul tennis club alle torricelle... la sett scorsa ci siamo state (givedì) ma non c'era NES-SU-NO! causa maltempo o che so io.... cmq la vostra descrizione mi ha fatto crepare dal ridere!!! Di posti simili ne conosco un bel po', ma non avevo mai trovato qualcuno che li descrivesse proprio come sono in realtà, sempre le solite "carino... non è male...c'è di meglio ma per una sera può andare..." Siete dei miti! Cmq in preda ad un attacco masochistico/kamikaze credo proverò a tornarci XD Baci Fr@

Anonimo ha detto...

I seldom leave comments on blog, but I have been to this post which was recommend by my friend, lots of valuable details, thanks again.